A- A+
PugliaItalia
Zes Jonica, Borraccino e Cifarelli ricevuti dal ministro Barbara Lezzi

Si dice soddisfatto Mino Borraccino, assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia, per l’esito dell'incontro a Roma col Ministro per il Sud, Barbara Lezzi: "Finalmente possiamo dire che l’avvio della Zona Economica Speciale Interregionale Jonica è davvero a portata di mano". annuncia a fine appuntamento.

Borraccino3

"L'incontro col ministro è stato proficuo.  Nel corso della riunione, che si è caratterizzata per un approccio molto collaborativo, cordiale e operativo e alla quale hanno partecipato anche l’assessore allo Sviluppo Economico della Regione Basilicata, Roberto Cifarelli, il Segretario Generale dell’Autorità Portuale di Taranto, Fulvio Lino Di Blasio e il parlamentare del Movimento 5 Stelle, Giovanni Vianello, oltre ai dirigenti degli uffici regionali delle due Regioni, è stata tracciata la road map per giungere quanto prima all’approvazione definitiva del decreto di istituzione della ZES".

Lezzi Barbara1

"Il Ministro Lezzi ha preso atto con soddisfazione del lavoro compiuto dalle Regioni Puglia e Basilicata e dall’Autorità Portuale di Taranto - ha segnalato Borraccino - giudicandolo, almeno a prima vista e in attesa di un esame approfondito, esaustivo anche perché sono state recepite integralmente tutte le osservazioni fatte pervenire dai tecnici del suo Ministero e del MEF, con riferimento al Piano Strategico di Sviluppo della ZES che abbiamo presentato". 

"Il percorso proposto prevede - ha aggiunto Borraccino - che nelle prossime settimane venga predisposto il piano di marketing con la definizione di tutti gli strumenti di comunicazione per questa importante iniziativa (logo, sito web, materiale informativo, ecc.), mentre già nei prossimi giorni, sulla base delle indicazioni che ci fornirà il Ministero, procederemo con l’approvazione congiunta, da parte delle Giunte regionali di Puglia e Basilicata, del Piano Strategico, con l’obiettivo di completare tutto l’iter e di giungere all’approvazione definitiva del Piano Strategico della ZES, da parte delle Regioni di Puglia e Basilicata, entro la fine di febbraio, in modo che poi il Governo centrale possa procedere con il decreto di istituzione".

cifarelli 1

"Il mio auspicio - ha concluso l'assessore Borraccino - è che il dettagliato percorso condiviso, possa essere confermato, in modo da giungere al conseguimento di un così importante risultato strategico per lo sviluppo economico e, conseguentemente, per l’occupazione in tutto il territorio jonico".

"Ringrazio per la fattiva collaborazione, la cordialità e l’approccio positivo e propositivo della Ministra Lezzi molto volitiva verso questa iniziativa che porterà presto all’istituzione della prima ZES pugliese, a cui seguirà poi, a stretto giro, anche quella relativa all’Adriatica".

(gelormini@affaritaliani.it)

Commenti
    Tags:
    zes jonica interregionale puglia basilicata assessorimino borraccinoroberto cifarellibarbara lezziministro sud
    i blog di affari
    Mantova, a spasso con i Gonzaga tra Rinascimento e buon cibo
    di Leone Ronchetti
    Qua la zampa (nera)! Alla scoperta del miglior prosciutto del mondo
    di Riccardo Succi
    Covid, in autunno torneranno le restrizioni. E sarà caccia dei non vaccinati
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    i più visti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.