A- A+
Roma
"Patto segreto Dc-Brigate Rosse". Aldo Moro, l'Arma sapeva del covo

di Patrizio J. Macci

A trentasette anni dal ritrovamento del corpo del leader democristiano Aldo Moro senza vita nel bagagliaio di un'automobile in via Michelangelo Caetani, una strada al centro della ragnatela romana di luoghi fisici della Politica nella quale il 9 maggio fu rinvenuta la Renault 4 con il cadavere dello Statista, Stefania Limiti e Sandro Provvisionato hanno provato a disinnescare le incongruenze e i fuochi fatui dei cinquantacinque giorni più lunghi della storia italiana.
Il volume "Complici - Il patto segreto tra Dc e Br" (Chiarelettere editore) arriva sulle ali di uno scoop "a scoppio posticipato", perché uno dei protagonisti di quegli anni ampliamente citato nel libro, il Generale Nicolò Bozzo braccio destro di Carlo Alberto Dalla Chiesa all'epoca dei fatti con il grado di colonnello, quando il libro era definitivamente chiuso e pronto per la stampa ha ricontattato gli autori per rilasciare una dichiarazione clamorosa: "Io e Dalla Chiesa conoscevamo il covo Br di Via Montalcini tre mesi prima del sequestro. Lo comunicammo ai vertici dell'Arma ma ci fecero il vuoto attorno".
Una confessione con un peso specifico enorme, che appare genuina proprio perché formulata in un atto d'amore per la verità pensato a freddo e maturato con il tempo e non uno specchietto per le allodole a meri fini commerciali. Il Generale infatti nel volume si era limitato a fornire lumi e ricostruzioni su fatti noti e contenuti nei documenti dell'epoca, ma questa rivelazione è un jolly inaspettato. I due giornalisti hanno ripreso in mano carte e documenti dell'epoca procendendo con metodo "teologico", facendo cozzare tra di loro le diverse versioni dei fatti, prendendo il toro per le corna e iniziando proprio dal giorno del sequestro, il 16 Marzo 1978. Di questo avvenimento non esiste ancora una ricostruzione filologicamente attendibile, ci sono lati oscuri e inconoscibili sui quali gli autori hanno cercato di fare luce, bruciando i dubbi, scartabellando documenti, incrociando i dati. La conclusione è che i conti non tornano in questo come in altri episodi del sequestro: la gestione del sequestrato, il luogo stesso dove Moro è stato detenuto e poi ucciso non può essere solo quello del covo di via Montalcini, fino alla lunga lotta per il possesso della "Carte di Moro".
Le ricostruzioni che sono state mostrate nel tempo dalle diverse Commissioni, hanno cercato di far combaciare i pezzi rotti del vaso senza riuscirvi. La politica e i terroristi delle Brigate Rosse, nel corso degli anni, sono addivenuti a una versione dei fatti condivisa che non procura fastidi a nessuno dei due ma che se sottoposta a un lavoro di indagine serio e scrupoloso mostra tutti i suoi limiti: il puzzle rimontato lascia fuori alcuni pezzi, oppure le tessere non combaciano esattamente.
Il testo ha un accurato indice dei nomi, prezioso in un'opera simile per ritrovare anche i protagonisti minori degli eventi, ed è sopratutto un esempio rigoroso di come si conduce un'inchiesta giornalistica. Gli autori cuciono insieme le trame di documenti eterogenei sparsi, rifuggono sempre alla tentazione di accettare una versione dei fatti servita in tavola e facilitata dal tempo che passa vero nemico della verità perché cancella i testimoni. Forse, parafrasando Moro, un po' di luce è stata fatta.

Tags:
aldo morochiareletterebrigate rossedemocrazia cristianacarabinierivia cateanidalla chiesa
Loading...




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Stadio della Roma: la Corte dei Conti prepara la “mazzata” per il Comune

Stadio della Roma: la Corte dei Conti prepara la “mazzata” per il Comune

i più visti
i blog di affari
Private equity, venture capital, invoice trading. Finanza alternativa per PMI
Greta V. Galimberti - Trendiest
Ascolti tv, share pazzesco al 26%: Barbarella fa festeggiare Mediaset
Francesco Fredella
No al bonus Natale di 500 euro. Provvedimento illiberale e diseducativo
Ernesto Vergani

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.