A- A+
Roma
Cinque anni a Ciarrapico per il crak Ciociaria Oggi

Cinque anni di reclusione. E' la condanna stabilita per Giuseppe Ciarrapico dai giudici dell'ottava sezione penale del tribunale di Roma, in relazione alla bancarotta della società "Editoriale Ciociaria Oggi". Nel medesimo procedimento sono stati condannati anche quattro persone coinvolte nel crac della "Eco". Stando alla ricostruzione del pm Dall'Olio, Ciarrapico avrebbe operato con "l'intenzione di ingannare i soci e il pubblico" per "conseguire un ingiusto profitto". Per la stessa vicenda, la Guardia di Finanza del nucleo di polizia valutaria, operò un sequestro di beni per un valore di due milioni e mezzo di euro.

Tags:
ciarrapicociociaria oggieditoria
Loading...




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Estate 2020 da virus, c'è una task force silenziosa: 400 cani bagnino Sics

Estate 2020 da virus, c'è una task force silenziosa: 400 cani bagnino Sics

i più visti
i blog di affari
Accordo Israele Emirati Arabi Uniti: il nemico del mio nemico è mio amico.
Andrea D'Amico
Instagram e diritto d’autore sulle foto pubblicate nei propri profili social
di Dottoressa Michela Carlo
Scuola, "Mia figlia si è fatta male, posso chiedere i danni all'istituto?"
di Dott. Francesca Albi *

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.