A- A+
Roma
Adescava uomini in chat e poi li derubava. Sesso, droga e rapine: arrestato

Uomini adescati sul web e derubati dopo una notte tra sesso e droga. Fermato M.F., rapinatore 45enne.

 

L'ultimo "colpo" lo ha visto fuggire con soldi, carte di credito, un pc portatile e l'auto. La vittima un omosessuale individuato in rete su una chat di incontri e con cui ha passato la notte, legato al letto e costretto a consegnare tutto. Il malvivente è stato però identificato dagli investigario grazie ad una doppia traccia: una doppia traccia: quella digitale, grazie alla geo localizzazione del pc, e quella più classica, favorita dallo stesso criminale che, fuggendo con l’auto rapinata, ha urtato alcune macchine parcheggiate. M.F., avendo intuito che la polizia era sulle sue tracce, si era rifugiato in un motel sotto falso nome dove in seguito stato fermato. Gli agenti hanno trovato nella stanza, oltre alle carte di credito rapinate, anche alcune dosi di crack, una bilancia di precisione e 1.400 euro in contanti, probabile provento della sua attività di spacciatore. Durante le fasi successive all’arresto, M.F. è riuscito a scappare rendendosi irreperibile per diverse ore, al termine delle quali è stato rintracciato e condotto a Regina Coeli dagli stessi poliziotti del commissariato Porta Maggiore.

La specializzazione del 45enne, arrestato dalla Polizia di Stato, era adescare in rete gli omosessuali e, dopo una notte di sesso e droga, rapinarli confidando nell’omertà della vittima, dovuta alla vergogna. L’ultima e particolarmente efferata rapina la settimana scorsa: ha individuato la vittima su una chat di incontri e con lui ha passato la notte; al risveglio lo ha costretto a consegnargli soldi, carte di credito, un pc portatile e l’auto. M.F., queste le iniziali del rapinatore, prima di fuggire ha drogato nuovamente il malcapitato e lo ha legato al letto. Gli investigatori del commissariato Porta Maggiore, diretto da Moreno Fernandez, lo hanno identificato seguendo una doppia traccia: quella digitale, grazie alla geo localizzazione del pc, e quella più classica, favorita dallo stesso reo che, fuggendo con l’auto rapinata, ha urtato alcune macchine parcheggiate. M.F., avendo intuito che la polizia era sulle sue tracce, si era rifugiato in un motel sotto falso nome dove in seguito stato fermato. Gli agenti hanno trovato nella stanza, oltre alle carte di credito rapinate, anche alcune dosi di crack, una bilancia di precisione e 1.400 euro in contanti, probabile provento della sua attività di spacciatore. Durante le fasi successive all’arresto, M.F. è riuscito a scappare rendendosi irreperibile per diverse ore, al termine delle quali è stato rintracciato e condotto a Regina Coeli dagli stessi poliziotti del commissariato Porta Maggiore.

Assicurato il 45enne, gli investigatori hanno rivolto la loro attenzione ad un complice che ne aveva favorito la breve latitanza. A finire nel mirino è stato L.F., originario della Puglia, coetaneo del fuggitivo. Quest’ultimo, fingendo di aiutare la polizia nelle ricerche, informava M.F. per non farlo catturare. Gli agenti hanno però posto in evidenza il doppio gioco di L.F., il quale, messo di fronte alle evidenze investigative, non ha potuto far altro che ammettere le reali intenzioni. Al termine della giornata L.F. è stato così arrestato con l’accusa di favoreggiamento.

Tags:
adescavauominichatsessodrogarapinearrestatoroma



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Covid, emergenza continua: un nuovo efficace metodo impiegato dal governo
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, il referendum contro il green pass è una pessima strada da seguire
L'OPINIONE di Diego Fusaro
PROGETTI PER LE CITTA’ E PER LA TUTELA DELLA VISTA
Boschiero Cinzia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.