A- A+
Roma
Agli infermieri vietati contatti coi pazienti, guardie e turni. Lo scandalo

Italia paese di imboscati, Roma capitale degli esonerati dal lavoro. E' questo ciò che emerge da uno studio attento del settore pubblico, che detiene il primato di dipendenti esentati dai lavori più pesanti. Basti pensare che nel settore pubblico la legge 104 è utilizzata dal 13,5% dei dipendenti, contro il 3,3% del settore privato. “Brilla” in tal senso il settore sanitario di Roma, capitale degli esonerati dal lavoro.


Nella Capitale sono infatti 16 su cento, il doppio della media nazionale, gli addetti del  Servizio sanitario esonerati da guardie, turni e contatti con malati. Se a questi si aggiungono permessi, congedi parentali e assenze per patologie la percentuale di fuga dal lavoro di “trincea” lievita, portandosi intorno al 20 per cento.
Allarmanti i dati del San Camillo, dove, su un totale di 2mila 800, sfiorano quota 500 gli infermieri esonerati dal lavoro per il quale sono stati assunti.
Una situazione che si è provata a sanare con il contratto 1998-2001, garantendo promozioni e scatti solo a chi non fosse esonerato dai lavori più pesanti. Tentativo che però fallì: 200 mila lire in più in media e la beffa di dover appaltare i “lavori sporchi”.

I servizi affidati ad esterni gravano infatti per oltre 250 milioni sul Servizio sanitario del Lazio, vanificando il blocco del turnover imposto dal Piano di rientro. Questo quanto emerge dall'inchiesta condotta da Carlo Picozza di La Repubblica, che ha portato alla luce anni di sprechi e disservizi difficilmente sanabili.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
infermierisanitàlegge 104fuga dal lavoroesonero dal lavoro



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
Il banco vuoto
Pierdamiano Mazza
Certificazione verde e MOG231
di Guido Sola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.