A- A+
Roma
Alla sbarra gli ultrà del Feyenoord. “Lanciavano bottiglie, petardi, fumogeni”

“Erano un migliaio e ci lanciavano contro di tutto. Una pioggia di bottiglie, petardi e fumogeni". E' ripreso con la testimonianza di alcuni agenti della Polizia, il processo davanti ai giudici della Quinta sezione del Tribunale, a carico di sei tifosi olandesi del Feyenoord coinvolti negli scontri del 19 febbraio dello scorso anno, in occasione della partita di Europa League con la Roma, durante i quali fu danneggiata la fontana della Barcaccia a piazza di Spagna. Assenti i sei ultrà, accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, espulsi dall'Italia dopo la convalida dell'arresto.
Il racconto delle ore che hanno preceduto l'incontro di calcio tra Roma e Feyenoord si focalizza sui disordini scoppiati a piazza di Spagna: "Intorno alle 13 eravamo nella zona di piazza di Spagna dove c’erano molti turisti”, hanno raccontato gli agenti. “I commercianti ci hanno però subito segnalato la presenza di tifosi, già ubriachi, che urinavano sulle vetrine e continuavano a bere”.
Una situazione che, in breve, finisce per degenerare. “Quando abbiamo deciso di convogliarli verso piazzale delle Canestre, attraverso via di San Sebastianello, dove c’erano bus predisposti al trasferimento dei tifosi allo stadio, hanno cominciato a lanciare bottiglie e petardi. Per noi era difficile avanzare perché a c’erano vetri, urina e birra”, hanno concluso i testimoni.
Contro i sei ultrà olandesi si è costituito il Codacons.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
feyenoordtifosi olandesiprocessocalciobarcacciapiazza di spagnapolizia



Casapound sfida la Polizia e il Pd: “Manganellate e lacrimogeni senza motivo”

Casapound sfida la Polizia e il Pd: “Manganellate e lacrimogeni senza motivo”

i più visti
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.