A- A+
Roma
Amazon si blocca a Roma. A Passo Corese il primo sciopero dell'e-commerce
Foto LaPresse

Dopo essere stato annunciato più volte nelle ore scorse, è partito uno sciopero presso il centro distribuzione di Amazon a Passo Corese, in provincia di Rieti, che con i suoi oltre 1500 addetti è uno dei più grandi d’Italia, per dimensioni ed operatività.

Ad annunciarlo Massimo Pedretti, per la Filt Cgil Roma Lazio, e il Segretario Generale di Nidil Rieti-Roma EVA, Mihai Popescu: “E’ inaccettabile che un gigante dell’economia globale come Amazon, che fattura miliardi ogni anno, non rispetti le disposizioni del Governo in materia di contenimento del Covid-19 - si legge in una nota delle due sigle sindacali -. Dopo la proclamazione dello stato di agitazione, abbiamo avuto delle rassicurazioni da parte dell’azienda sull’attuazione delle disposizioni del Decreto del 9 marzo 2020, eppure continuiamo a ricevere segnalazioni in merito all’impossibilità di rispettare la distanza di sicurezza di un metro negli spazi comuni e anche durante l’ordinaria attività lavorativa nel reparto AFE, anche causa del forte rumore presente nello stabilimento che non consente le comunicazioni a distanza tra i lavoratori”.

La replica di Amazon

Immediata la replica del colosso americano che, dal canto suo, fa sapere, attraverso i suoi rappresentanti italiani, come “il benessere dei nostri dipendenti, dei nostri fornitori e dei nostri clienti è al primo posto. Stiamo seguendo rigorosamente le indicazioni fornite dal Governo e dalle autorità sanitarie locali nell’implementare in tutti i siti le giuste misure per contenere l’emergenza sanitaria in corso. I nostri dipendenti stanno lavorando per consegnare ai clienti, molti dei quali non hanno altre alternative che la consegna a casa per ricevere ciò di cui hanno maggiore necessità. A partire da questa settimana stiamo inoltre dando la priorità alla ricezione e alla spedizione degli articoli di cui i nostri clienti hanno maggiormente bisogno in questo momento. Parliamo di prodotti come generi alimentari, prodotti per la salute e la cura personale, oggetti necessari per lavorare da casa, libri e giocattoli per bambini. Continuiamo a monitorare attentamente questa situazione che è in continua evoluzione - rivelano ancora dalla sede milanese del gigante Usa - lavorando a stretto contatto con le autorità sanitarie locali e nazionali per capire quali misure verranno applicate e prevenire i rischi. I nostri dipendenti vengono avvisati immediatamente su tutte le misure implementate”. Quello di oggi è il primo sciopero in assoluto dall’apertura del centro distribuzione di Passo Corese, nel 2017.

Loading...
Commenti
    Tags:
    amazonconsegne a domicilioe-commerceamazon passo coreseamazon romaacquisti su amazonordini amazonshopping on linecoronaviruscovid 19massimo pedrettifilt cgil roma lazio


    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Raggi bis, il sondaggio dice No. Ma vince per “fiducia”. La sorpresa Martelli

    Raggi bis, il sondaggio dice No. Ma vince per “fiducia”. La sorpresa Martelli

    i più visti
    i blog di affari
    #Ritorno a scuola, la scelta migliore. Pensiamo alla salute dei nostri figli
    Di Tiziana Rocca
    Ascolti tv, domenica d’oro per Mediaset: Barbara d’Urso vola
    Francesco Fredella
    Il Comune di Milano lancia il Crowdfunding Civico con "Produzioni dal Basso"
    Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.