A- A+
Roma
Amianto, muore inviato di guerra Rai Franco Di Mare. La sua denuncia da Fazio

Lutto in Rai: si è spento Franco di Mare, l'inviato di guerra che pochi giorni fa aveva denunciato di essersi ammalato di mesiotelioma da esposizione all'amianto, ospite di Fabio Fazio a La9.

Durante la trasmissione aveva denunciato l'indifferenza dell'azienda che non aveva mai risposto alle sue richioeste di avere lo stato di servizio per poter ricostruire l'iter della sua carriera lavorativa e capire dove e come poteva aver contratto la malattia.

E in casa Rai scatta l'allarme amianto: chiesto lo screening sanitario di tutti i giornalisti inviati in zone di guerra o in zone di crisi.

A chiederlo è il sindacato Usigrau che il giorno dopo la denuncia pubblica di Franco Di Mare ospite di Fabio Fazio a La9, ha spedito una lettera per chiedere “controlli sanitari specifici su tutto il personale che ha lavorato in aree di crisi ed è stato quindi esposto potenzialmente a rischi per la salute, per inalazione o contatto con sostanze pericolose. A rendere nota l'iniziativa è il magazine digitale professionereporter.eu che dedica un lungo articolo alla questione della sicurezza sul lavoro.

Secondo professionereporter.eu, “Usigrai ricorda di aver segnalato la necessità di inserire il tema della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro nel contratto di servizio tra Rai e il Ministero delle imprese e il Made in Italy. Usigrai chiede di nuovo all’Azienda di garantire le tutele assicurative per dipendenti e collaboratori impegnati in zone a rischio. In realtà la Rai ha problemi con l’amianto anche a Roma, dove la sede di viale Mazzini non è mai stata radicalmente bonificata. Se n’è riparlato dopo la morte di un dipendente, Mariusz Marian Sodkiewicz, che aveva denunciato la presenza di amianto negli uffici.

Morte Franco Di Mare: i funerali a Roma lunedì 20 nella Chiesa degli Artisti

Amianto: ex dipendente Rai morto, pm Roma indaga per lesioni colpose







Tre tunisini minorenni in fuga dal carcere romano di Casal del Marmo: scatta la caccia all'uomo

Tre tunisini minorenni in fuga dal carcere romano di Casal del Marmo: scatta la caccia all'uomo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.