A- A+
Roma
Arce, delitto Mollicone: "Facciamo il dna a tutto il paese"

Mercoledì mattina a a Roma il padre di Serena Mollicone, il maestro Guglielmo, illustrerà i dettagli di una proposta che unitamente al suo avvocato, Dario De Santis, e all'ex generale dei carabinieri Luciano Garofano, intende presentare in Procura a Cassino.
"Con le nuove tecniche all'avanguardia intendiamo proporre al giudice di autorizzare la messa in atto di un metodo di rilevazione genetico identico a quello utilizzato per il caso di Yara Gambirasio. Siamo certi che finalmente le tracce di dna rinvenute sugli abiti di mia figlia Serena - spiega il maestro Guglielmo Mollicone - potranno avere un nome e un volto. Non possiamo arrenderci anche se sono trascorsi quasi 15 anni dal suo assassinio".
Il prossimo 7 gennaio il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Cassino dovrà decidere se archiviare o meno le indagini sulla morte della 18enne di Arce scomparsa da casa il primo giugno del 2001 e poi ritrovata privata di vita due giorni dopo in un bosco di Anitrella.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
arcecassinodelitto molliconeyara gambirasioanalisi dna



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
Il banco vuoto
Pierdamiano Mazza
Certificazione verde e MOG231
di Guido Sola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.