A- A+
Roma
Astici con chele legate sul ghiaccio: ira animalisti. Supermercato a processo

"Vendere ed esporre astici nel ghiaccio con le chele legate è reato”. L'ira degli animalisti si scaglia contro un supermercato romano e, dopo aver sporto denuncia, lo portano a processo per maltrattamento sugli animali.

 

Lo rende noto Walter Caporale, Presidente di Animalisti Italiani Onlus: "Dopo aver sporto formale denuncia nei confronti del direttore responsabile del centro commerciale Panorama poiché deteneva nel reparto pescheria del supermercato ivi presente degli astici vivi con le chele legate, ossia in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze, in data 15 gennaio si è tenuta l’udienza dinanzi al Tribunale Penale di Roma, durante la quale il Giudice ha ammesso la costituzione di parte civile dell’associazione Animalisti Italiani Onlus e ha accolto la richiesta di danni morali per un ammontare di 20 mila euro. È il secondo processo in Italia a favore di aragoste e astici”.

"Questa vergognosa pratica - prosegue -, ‘giustificata' dalla volontà di rendere palese che il prodotto messo in vendita sia il più fresco possibile, fa sì che la logica di mercato entri in insanabile conflitto con le regole di corretta gestione di questi animali, i quali possono sì essere commerciati vivi, ma certo non sottoposti a questo genere di torture. Ragion per cui commette un maltrattamento di animali, reato previsto, disciplinato e sanzionato dall'articolo 727 del codice penale, chi li conserva in modalità improprio, come affermato dalla terza sezione penale (sentenza n.30177)".

Caporale critica poi lo consueta usanza di cucinare i crostacei ancora vivi: “I crostacei sono esseri senzienti in grado di provare dolore e pure in assenza di precedenti giurisprudenziali l'interesse umano non deve mai prevalere rispetto all'interesse alla non-sofferenza dell’animale. Cucinarli ancora vivi è una 'consuetudine sociale’ che va superata. L’Italia si deve adeguare alla crescente sensibilità verso gli animali e seguire la Svizzera che ha vietato di calare vive le aragoste nell'acqua in ebollizione attraverso un decreto legge”. In Svizzera infatti i crostacei devono essere storditi mediante distruzione meccanica delle cellule cerebrali o fulminati attraverso elettroshock.

I legali dell’associazione, gli Avv.ti Donato Iacovino e Francesco Paolo Fornario, hanno commentato: “È una grande vittoria, poiché il Tribunale ha ammesso la costituzione di parte civile della persona offesa nonostante la difesa del direttore responsabile dell’esercizio commerciale avesse formulato la propria opposizione. Da adesso l’associazione Animalisti Italiani Onlus è ufficialmente una parte del processo e ciò ci consentirà di articolare al meglio la nostra difesa per la tutela degli astici. Non resta altro che aspettare la prossima udienza, che si terrà in data 21 febbraio p.v., al fine di conoscere gli sviluppi del processo e della battaglia per gli astici”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    asticicrostaceichele legateghiacciopesceanimalistisupermercatoprocesso



    Orso Marsicano: entro 30 anni l'estinzione. L'allarme del Wwwf: rimasti in 50

    Orso Marsicano: entro 30 anni l'estinzione. L'allarme del Wwwf: rimasti in 50

    i più visti
    i blog di affari
    Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.