A- A+
Roma
Atac, fermato senza biglietto aggredisce il controllore: denunciato nigeriano

Ha aggredito e minacciato con una bottiglia di vetro un controllore dell'Atac che lo aveva beccato senza biglietto a bordo di un autobus della linea 558 (Anagnina-Cinecittà). L'uomo, un nigeriano di 21 anni, è stato denunciato per violenza e lesioni a pubblico ufficiale dai Carabinieri di Cinecittà.

 

Il nigeriano, senza fissa dimora ma con regolare permesso di soggiorno, non ha voluto esibire i documenti, si è rifiutato di fornire le generalità e, all'altezza della fermata Ciamarra-Rizzieri, ha spintonato e minacciato con la bottiglia il controllore.

Il dipendente Atac, di 59 anni, è stato medicato al policlinico Casilino, dove ha avuto 5 giorni di prognosi per le contusioni riportate.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ataccontrollore aggreditosenza bigliettodenuncianigeriano



    Marcia dei no green pass su Roma: la Prefettura pronta a vietare il raduno

    Marcia dei no green pass su Roma: la Prefettura pronta a vietare il raduno

    i più visti
    i blog di affari
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia
    Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
    Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.