A- A+
Roma
Baby gang massacra un ragazzo a San Giovanni: la banda tradita dai social

Baby gang massacra a suon di calci e pugni un coetaneo a San Giovanni, la banda di minori tradita da Instagram: ora i componenti, di età compresa tra i 13 e i 17 anni, dovranno rispondere dei reati di rapina e lesioni personali.

 

Secondo quanto emerso dalle indagini, per chiarire uno screzio fra adolescenti avvenuto durante una festa di compleanno, 2 gruppetti di ragazzi si erano dati appuntamento nel quartiere San Giovanni il 17 gennaio scorso. Il primo gruppo, formato da una trentina di ragazzini, su via Claterna, ha incrociato 5 ragazzi della controparte; 4 di loro sono fuggiti mentre l’ultimo è rimasto lì a parlare. Poco dopo la discussione è degenerata e ne è nata una violenta rissa.

Il ragazzo rimasto solo è stato prima colpito con un pugno, poi, una volta caduto a terra, è stato colpito da almeno altre 3 persone. Gli aggressori, prima di fuggire, hanno rubato al ragazzo un cappello da baseball. Le immagini delle varie telecamere di videosorveglianza presenti nel quartiere, comparate con i vari profili social dei possibili autori, hanno permesso ai poliziotti del commissariato San Giovanni di identificare i principali aggressori, tutti minorenni di età comprese tra i 13 ed i 17 anni. Il cappellino rapinato, poi rinvenuto in strada, è stato esibito come trofeo da uno dei sospettati sul proprio profilo Instagram.

I giovani sono stati segnalati all’Autorità giudiziaria minorile e dovranno rispondere a vario titolo dei reati di rapina e lesioni personali.

Commenti
    Tags:
    baby gangsan giovanniinstagramsocialbandaminoriminorennipestaggio



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
    di Maurizio Garbati
    Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
    di Michela Carlo


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.