A- A+
Roma
Bertolaso bruciato: FdI e Lega su Francesco Rocca sindaco di Roma. Ma la droga

Per Guido Bertolaso, pacco, doppio pacco e contropaccotto: indicato da Silvio Berlusconi come candidato sindaco perché “l'unico in grado di guarire Roma”, l'ex capo della Protezione Civile viene “bruciato per la seconda volta”. Giorgia Meloni e Matteo Salvini avrebbero deciso di schierare contro Carlo Calenda e Virginia Raggi, l'attuale presidente della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca.

La “convergenza parallela” sarebbe frutto dell'accordo siglato martedì sera nel corso del vertice tra Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Antonio Tajani in veste di comparsa silenziosa e basita di fronte alla scelta.

Al di là dei meriti personali e di uno stipendio con annessi rimborsi spese che ha sollevato più di una perplessità, il curriculum di Francesco Rocca offre un'assist formidabile agli avversari, poiché quello che è stato indicato come “errore di gioventù”, è una condanna per spaccio di eroina, rimediata intorno ai 18 anni: brown sugar acquistata da spacciatori nigeriani e rivenduta al dettaglio che gli è costata 3 anni e 2 mesi di carcere. Poi ridotti con uno sconto di pena e la riabilitazione da parte del Tribunale di sorveglianza. Certo il tempo passa ma di fronte a una campagna elettorale che si preannuncia al vetriolo, il cv del presidente della Cri, sembra fatto apposta per essere dato in pasto agli avversari.

Così come la sua amicizia personale con la famiglia Letta, in particolare con la zia di Gianni Letta, Maria Teresa, che invece per Guido Bertolaso era una “macchia” che lo rendeva troppo vicino al presidente Berlusconi e al suo “cerchio” di poteri forte”, tra società civili e ambienti Vaticani.

Sia chiaro, il percorso di Francesco Rocca è un esempio di redenzione, pentimento e riabilitazione sociale ma per uno sponsor politico come Salvini e la Lega che ha combattuto da sempre una battaglia senza quartiere contro la droga, appare evidente un certo imbarazzo che potrà influire sulla campagna elettorale. Purtroppo per Rocca, gli “errori di gioventù” pesano, soprattutto in un Paese dove la questione morale è un tema caldo e la damnatio memoriae è affidata a Google: basta digitare Francesco Rocca e spunta fuori il tag “condanna per droga”.

Domani, giovedì 3 dicembre, salvo ripensamenti dell'ultimo ora, il nome di Francesco Rocca sarà probabilmente ufficializzato come candidato sindaco di Roma. Insieme a una cura da cavallo alla quale si dovrà sottoporre Matteo Salvini per mandar giù il boccone amaro. Dalla gastrite all'ulcera il passo è breve. Brevissimo. Meglio andrà a Guido Bertolaso che dal momento in cui è circolato il suo nome come candidato per Roma, si è chiuso nel silenzio e ha continuato a lavorare.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    bertolsaguido bertolasobertolaso candidato sindacocomune romaelezioni romacomunali roma 2021croce rossa italianafrancesco roccavirginia raggicarlo calendamatteo salvinigiorgia melonifrancesco rocca drogafrancesco rocca condannatogianni lettasilvio berlusconi



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Italia nazione più colpita in Europa dal traffico di identità digitale
    Con Enrico Letta c’è il futuro verde del PD e dell’Italia
    Mauro Buschini*
    Riforma Fiscale 2021: cosa cambia davvero per le imprese?
    Gianluca Massini Rosati


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.