A- A+
Roma
Bici e monopattini contromano, la giungla: taxi contro il Codice della Strada

Bici e monopattini contromano, ma anche liberi di circolare senza regole sulle corsie preferenziali e sulle strade con limite di 30 km orari: Roma e l'Italia rischiano di diventare una giungla a causa delle regole del nuovo Codice della Strada e monta la protesta dei tassisti.

“Sono sconcertato e preoccupato per bici e monopattini contromano e liberi di circolare senza regole sulle corsie preferenziali e sulle strade con limite di 30 km. Le nuove norme previste dalla riforma del Codice della Strada consentono infattti a biciclette e monopattini di andare contromano e di percorrere liberamente le corsie preferenziali riservate ai mezzi pubblici. Si tratta di un vero e proprio attentato alla sicurezza e un volano di anarchia comportamentale che legittima pratiche estremamente pericolose e sconsiderate”, ha detto Loreno Bittarelli, presidente dell'Unione Tassisti Italiani.

“La previsione – continua Bittarelli – della 'completa deregulation della mobilità ciclabile' nelle strade urbane in cui vige il limite dei 30 km orari, consentirà a biciclette e monopattini elettrici di fare praticamente ogni follia: andare appaiati, o ancor peggio in file orizzontali, contromano, in gruppi e con la garanzia di avere sempre la precedenza su tutti. Insomma, mentre per i tassisti il legislatore è andato giù pesante, nel senso del più ottuso e stringente rigore, sottoponendoli senza alcuna deroga alle norme generali, comprese quelle pesantissime sull’omicidio stradale che li priva di ogni attenuante specifica), per biciclette e monopattini ha adottato la pazzesca opposta politica della anarchia più totale. Le già pesanti e logoranti condizioni di lavoro dei tassisti, finiranno con l’ulteriore continua tensione delle mille condizioni di imprevedibile pericolo che si creeranno in conseguenza delle norme in questione. Se si pensa poi, che il controllo e l’applicazione di queste norme di maggior favore a beneficio della mobilità ciclabile saranno affidate anche alla solerzia degli 'operatori ecologici', la situazione diventa davvero surreale”.

I tassisti sono quindi pronti a chiedere un passo indietro e di mantenere le regole così come sono ora: “Anche i tassisti si uniscono – conclude Bittarelli – alla più netta opposizione ai contenuti della riforma già espressa da tanti altri autorevoli Soggetti interessati alla materia, tra cui l’ACI, e se effettivamente la volontà del Governo e della maggioranza parlamentare è quella di mantenere le regole così come sono, la categoria dei tassisti sarà ferma nel continuare a manifestare tutto il suo dissenso fino a che le stesse non saranno abrogate”

Loading...
Commenti
    Tags:
    taxitassitibicimonopattinibici contromanocodice della stradanuovo codice della stradaloreno bittarelliuriunione radiotaxi italiani




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Halloween da sballati: un fiume di droga sintetica pronto per la movida romana

    Halloween da sballati: un fiume di droga sintetica pronto per la movida romana

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, mio figlio in quarantena ma io non posso fare smartworking: che fare?
    di avv. Gian Paolo Valcavi
    Recovery Fund. La Commissione europea chiarisca le precondizioni per l'Italia
    Ascolti tv, la d’Urso vola ancora e supera Giletti-Fazio
    Francesco Fredella

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.