A- A+
Roma
Blackout challenge a Roma: prova a morire strangolato per un video su TikTok
L'istuto comprensivo Mozart dell'Infernetto

Ha tentato di strangolare il compagno per realizzare un video estremo su TikTok. Una scena di quasi morte in diretta social. E’ accaduto giovedì 6 giugno giugno mattina, nell'ultimo giorno di scuola, preso l’istituto comprensivo Mozart, nel cuore dell’Infernetto. 

E solo per l'intervento provvidenziale di alcuni docenti è stata evitata la tragedia.

Blackout challenge

La scena è semplice e choc allo stesso tempo: sospeso tra la vita e la morte per dimostrare a se stesso e ai compagni di essere il migliore. A Roma si riaffaccia la Blackout challenge, la sfida che parte da TikTok e che prevede la compressione delle carotidi e delle giugulari fino al soffocamento.

Le regole del gioco

Le regole della challenge sono da brividi: vince chi arriva a un secondo dalla perdita dei sensi senza svenire. E il ragazzino, di appena 16 anni, stava per perdere i sensi quando alcuni compagni hanno interrotto il gioco folle. Il preside, sentito dal quotidiano La Repubblica lancia l’allarme per la fine della scuola: “Chi controllerà i giovani in estate?”







Commercialista sicuro: il patto per i servizi con il Sindacato Commercialisti

Commercialista sicuro: il patto per i servizi con il Sindacato Commercialisti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.