A- A+
Roma
Botti di Capodanno venduti sui social: aveva in casa 12 chili di “bombe”

Roma, sequestrati 12 kg di materiale esplodente in un esercizio commerciale e 307 petardi presso un’abitazione privata. Denunciate due persone.

Gli agenti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Roma, durante i consueti controlli per il periodo di Capodanno, hanno denunciato un cittadino italiano di 22 anni per detenzione abusiva di materiale esplodente e, per aver posto in vendita materiale esplodente scaduto di validità e non riclassificato.

I poliziotti, durante un monitoraggio dei maggiori social network e dei siti di vendita on line, hanno notato la presenza di vari annunci di vendita di artifici artigianali. Risaliti, attraverso un’attività info-investigativa  all’autore degli annunci, i poliziotti, insieme ai colleghi del IV Distretto San Basilio, hanno perquisito la sua abitazione all’interno della quale sono stati rinvenuti: 88 ordigni artigianali “CIPOLLA CON TRACK”, non etichettati e con peso unitario di 160 grammi, 63 ordigni artigianali “CARAMELLA CON MICCIA”, non etichettati e con peso unitario di 20 grammi, 6 petardi “COBRA” con etichetta non completa mancante di QEN categoria F4 e peso unitario di 40 grammi, 150 petardi “BLACK THUNDER” con etichetta con solo nome commerciale e peso unitario di 40 grammi. Dopo l’ immediato intervento del Nucleo Artificieri della Polizia di Stato, tutto il materiale è stato sequestrato,. Alla fine degli accertamenti il 22enne è stato denunciato e la Procura della Repubblica di Roma ha disposto la distruzione degli artifici pirotecnici.

A seguito di altri controlli al Pigneto, i poliziotti della Divisione Amministrativa, hanno denunciato, per detenzione abusiva di materiale esplodente e per aver posto in vendita materiale esplodente scaduto di  validità e non riclassificato, una cittadina cinese di 55 anni, proprietaria di un esercizio commerciale nel quartiere. Nel corso della ispezione, gli agenti hanno riscontrato la vendita di petardi, batterie di colpi e razzi, alcuni dei quali con etichettature non conformi, perché venduti singolarmente e non in confezione e altri scaduti di validità da circa un anno. In un piccolo soppalco del bagno poi,  sono stati trovati altri prodotti simili oltre ad altri ancora più pericolosi petardi di uso professionale di categoria F4.

Al termine dell’operazione la 55enne è stata denunciata  e il materiale, 12 kg circa di artifici pirotecnici è stato sequestrato. Anche per questo la Procura della Repubblica di Roma ha disposto la distruzione.

 

Commenti
    Tags:
    bottibotti di capodannopetardiquestura romasequestro botti


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Lega partito rivoluzionario? No, l’ennesimo difensore dell’ordine dominante
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Lega, Salvini teme il voto all’estero: “Troppi brogli”
    Giorgia Meloni sul caso Renzi: "Il Copasir si deve occupare di queste cose"

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.