A- A+
Roma
Cadaveri nel Tevere, l'ombra di un serial killer. Dito puntato su Galioto

Potrebbe riaprirsi il caso di Federico Carnicci, un ex operaio toscano di 27 anni, poi diventato artista di strada, che affogo' nel Tevere nel luglio del 2015. Ad aver causato la sua morte potrebbe essere stato il romano senza fissa dimora Massimo Galioto: il senza tetto è già in carcere per l'omicidio Beau Solomon, il 19enne studente americano trovato morto un paio di settimane fa nel Tevere dopo una lite con un senzatetto.
Oggi il difensore della famiglia Carnicci, l'avvocato Carmine De Pietro ha formalmente depositato al pm Francesco Scavo l'istanza con la quale chiede la riaperture delle indagini che erano finite in archivio.
Allegati alla richiesta ci sono anche gli esiti di alcuni accertamenti difensivi svolti dallo stesso legale che ha raccolto elementi che collegherebbero la morte di Carnicci allo stesso contesto ambientale nel quale è maturato l'omicidio di Solomon, per il quale è in carcere Massimo Galioto, romano senza fissa dimora.
Almeno due testimoni, le cui dichiarazioni dovranno ora essere riscontrate dalla magistratura, punterebbero il dito contro lo stesso Galioto. Sulla scomparsa di Carnicci, gli investigatori non raccolsero mai la versione del senzatetto: venne sentita la sua compagna che riferì che l'ex operaio cadde nel Tevere quando lei stava dormendo nella tenda nella baraccopoli di Ponte Garibaldi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
beau solomonfederico carniccimassimo galiototeverecadaveri nel tevereserial killer



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro
Quando artisti e comunicatori uniti diventano Ambasciatori di Pace
CasaebottegaJalisse
Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.