A- A+
Roma
Caos rifiuti, soluzione Raggi: “Trattamento e smaltimento in mano al Comune”

Via i privati dai rifiuti e tuttala gestione del ciclo, dalla raccolta al trattamento e allo smaltimento in mano all'Ama che oggi a malapena riesce a gestire la raccolta.

 


Il tuffo nel passato, precisamente al 1979, quando l'azienda pubblica Sogein prese in  mano la gestione del ciclo dei rifiuti lo annuncia di fronte alla commissione Antimafia il sindaco Virginia Raggi. Nel 2016, di fronte a una città sporca e disorganizzata, dove sotto il tappeto non c'è più spazio per i rifiuti, il Comune di Roma  vuole “statalizzare” il servizio: “Vogliamo cambiare il ciclo dei rifiuti e togliere i privati dalla gestione, in netta discontinuità con il passato. Ed è proprio l'assessore all'Ambiente, Paola Muraro, ad assicurare questa discontinuità. Per anni Pd, sinistra, Pdl e destre - ha ricordato  hanno lasciato la gestione dell'indifferrenziata a un unico operatore privato. E questo come se fosse una cosa normale".
Forse per un problema anagrafico o per ignoranza storica, il sindaco Raggi non ricorda la storia di Roma. E' vero che nel '79 la Sogein divenne l'unico operatore, ma è altrettanto vero che nel Natale del 1980 Roma conobbe la seconda emergenza rifiuti e fu il sindaco Petroselli a convocare in Campidoglio l'imprenditore privato Manlio Cerroni che fu invitato a prendere in carico il sistema sino alla chiusura definita degli impianti pubblici avvenuta nel 1984. Dunque, Raggi e Muraro in stile “statalista”, hanno deciso di tornare indietro senza però indicare con quali risorse far fare il salto di qualità all'Ama.

Nel corso della stessa audizione il sindaco ha anche chiarito il giallo di inizio consiliatura, quella riunione carbonara con Manlio Cerroni nello stuido del deputato M5S Vignaroli: "Fortini ha dichiarato che fu lui a chiedere la presenza di Vignaroli perchè non voleva incontrare Cerroni da solo".

E di giallo in giallo ha chiarito anche il futuro della contestatissima assessore al'Ambiente, Paola Muraro: "L'assessore Muraro come consulente doveva validare le procedure di attivazione dei rifiuti. Dire che ha responsabilità nella gestione di Ama mi sembra un po' esagerato. Sappiamo bene che al momento la posizione dell'assessore è 'sub iudice' e abbiamo sempre detto che quando avremo gli elementi per accertare le eventuali responsabilità, siccome anche la Procura parla di eventuali responsabilità...".

Infine, la presa di posizione sul gassificatore di Malagrotta, già autorizzato: "Renzi considera un obiettivo strategico il gassificatore di Malagrotta, noi non abbiamo alcuna intenzione di utilizzarlo. Per noi la tecnologia degli inceneritori è vecchia e va abbandonata".

Tags:
emergenza rifiuitrifiuti romaraggim5scomune romaamacerronipetrosellivignarolibindimalagrotta



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Brunetta non va al Premio Socrate: c'è Palamara
Green Pass, il lasciapassare per i sudditi del capitalismo terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
IniziAMO la scuola. PuliAMO il mare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.