A- A+
Roma
Carabiniere ucciso, Adinolfi: “In America l'aggressore sarebbe morto”

Carabiniere ucciso, dell'omicidio del vice brigadiere Mario Cerciello Rega parla Mario Adinolfi: ““Negli stati Uniti se solo accenni a fare una cosa del genere muori. Da noi si riescono a dare 11 coltellate. In Italia vanno riviste le regole d’ingaggio”.

 

Mario Adinfoli, presidente del Popolo della Famiglia, è intervenuto ai microfoni de L’Italia s’è Desta condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus. Adinolfi ha parlato dell’omicidio del brigadiere Cerciello Rega.

“Purtroppo – spiega Adinolfi – il fatto in sé veniva immediatamente resettato rispetto allo scontro tra tifoserie. Il fatto, ovvero l’omicidio, è diventato mero strumento. Prima si è dato addosso all’africano, poi all’americano fino ad arrivare al film sulla benda. Un valzer tutto ideologico. Questa storia fa emergere dei fatti evidenti. In primis l’approssimazione con cui le nostre Forze dell’Ordine sono esposte a situazioni di grave pericolo”.

“L’Italia – continua – è il Paese più sicuro del Mondo, grazie alle forze dell’ordine e alla cultura che abbiamo. Rispetto agli altri Paesi occidentali abbiamo il tasso di criminalità più basso ma di fronte ad avvenimenti eccezionali non sappiamo reagire. E’ difficile accettare l’idea che questo carabiniere sia andato senza pistola e sopraffatto d 11 coltellate senza che il collega intervenisse. L’istinto delle forze dell’ordine è non usare mai la pistola. Se negli Stati Uniti fai accenni soltanto a fare su un poliziotto quello che il ragazzo americano ha fatto in Italia il collega del poliziotto ti uccide. Da noi invece si fa in tempo a dare 11 coltellate e l’altro collega che faceva? Dove stava?”

“Il sistema statunitense – conclude Adinolfi – può sembrare crudele all’apparenza ma è tutelante per il criminale. Non gli viene in mente di avvicinarsi con un coltello ad un cop perché è consapevole che morirebbe. In Italia bisogna rivedere le regole d’ingaggio, il resto sono tutte puttanate. In America non sono pazzi. Lì ci sono 30mila morti per armi da fuoco in un anno, per questo i cop americani sono più aggressivi.  In termini di media per cittadino abbiamo il numero maggiore di Forze dell’Ordine dei paesi occidentali. Il problema è che sono mal pagati, mal attrezzati, mal addestrati e diciamo un po’ morbidi per queste regole d’ingaggio particolari”.

Commenti
    Tags:
    carabiniere uccisomario cerciello regamario adinolfipopolo della famigliastati unitiamericaelder lee finneganradio cusano campus




    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Parioli, regista adescava baby aspiranti attrici e le violentava: 8 le vittime

    Parioli, regista adescava baby aspiranti attrici e le violentava: 8 le vittime

    i più visti
    i blog di affari
    Scuola, "Mia figlia si è fatta male, posso chiedere i danni all'istituto?"
    di Dott. Francesca Albi *
    Migranti, "porti aperti" dicono i nuovi schiavisti supportati dalla sinistra
    Di Diego Fusaro
    La comunicazione politica influenzata dal populismo degli elettori
    Daniele Salvaggio, Imprese di Talento

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.