A- A+
Roma
Carte false di ignari super pensionati per ottenere prestiti: 5 arresti a Roma
Pensioni quota 100

Truccavano documenti, buste paga e dati Inps sulle pensioni di benestanti ignari per ottenere prestiti e cessioni del quinto. E ci riuscivano pure, grazie alla collaborazione di un dipendente infedele del Comune di Roma. Tra le vittime 4 ex top manager pubblici: Pietro Ciucci, Raffaele Bonanni, Vito Gamberale e Massimo Sarmi.

 

Ci sono famosissimi ex top manager pubblici tra le persone truffate dalla "banda" dei cinque uomini arrestati questa mattina dai carabinieri della stazione San Lorenzo in Lucina. Si va da Pietro Ciucci, ex presidente e amministratore di Anas, a Raffaele Bonanni, ex segretario generale della Cisl, fino a Vito Gamberale, ex dirigente con incarichi in Telecom e Autostrade, e a Massimo Sarmi, ex ad del Gruppo Poste Italiane. L'indagine, coordinata dall'aggiunto Paolo Ielo e dal pm Antonio Clemente, è partita proprio dalla denuncia di Gamberale che nel febbraio del 2018 si è presentato dai militari lamentando il mancato accredito della pensione di 24 mila euro che, si scoprirà all'esito delle indagine, era stata dirottata su un conto tedesco.

Lo schema era sempre lo stesso: i truffatori, grazie alla complicità di un dipendente Inps (deceduto da poco) e attraverso il reperimento dei dati reali dei documenti di identità, ricercati e comunicati da un complice, dipendente dell’VIII Municipio del  Comune di Roma, falsificavano Carte d'identità e Codici Fiscali sui quali venivano apposte le foto dei pensionati reperite dal web o corrispondenti a quelle degli indagati. In alcuni casi, come visto, appropriandosi dell’identità di ex top manager riuscivano a intascare le rispettive "pensioni d’oro". Recuperati dai carabinieri, oltre ai 24 mila euro a Gamberale, un’autovettura Fiat 500 del valore di 15 mila euro, acquistata mediante la sottoscrizione di un finanziamento con documentazione risultata falsa. A seguito di tempestivo intervento, i carabinieri riuscivano anche ad impedire l’acquisto di un televisore, una playstation e un iPhone presso un esercizio commerciale di Roma per un valore di euro tremila euro mediante il tentativo di accensione di un finanziamento. "Mente" del gruppo di truffatori era Luigi Pisano, già in passato coinvolto in vicende simili, e unico destinatario della misura cautelare in carcere. Nel corso delle attività sono stati inoltre eseguiti tre arresti in flagranza e cinque persone sono state denunciate a piede libero.

 

Commenti
    Tags:
    carta identitàpensionipensionaticessioni del quintoprestiticomune romapietro ciucciraffaele bonannivito gamberalemassimo sarmi




    Loading...



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Bocce avvelenate: “Soldi per non candidarsi”, la bufera Fib non si ferma

    Bocce avvelenate: “Soldi per non candidarsi”, la bufera Fib non si ferma

    i più visti
    i blog di affari
    Confassociazioni. Michele Ficara Manganelli nel direttivo Media & Informazione
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Politecnico online. 5° Report Italiano Crowdinvesting martedì 21 luglio 2020
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Ascolti tv, Giorgino rifiuta “Uno Mattina”. E spunta l’indiscrezione bomba
    Francesco Fredella

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.