A- A+
Roma
Casa a Montecarlo, Fini condannato a 2 anni e 8 mesi, pene dure ai Tulliani
Giancarlo Fini ed Elisabetta Tulliani

Gianfranco Fini condannato a 2 anni e otto mesi. Pene durissime per la famiglia Tulliani.  La sentenza dei giudici della quarta sezione del Tribunale di Roma, Elisabetta Tulliani e il padre Sergio condannati a 5 anni, il fratello Giancarlo a 6 anni.

Si chiude una vicenda lunga anni.

La sentenza

Il tribunale di Roma ha condannato l’ex presidente della Camera Gianfranco Fini a due anni e otto mesi. Con la sentenza i giudici della quarta sezione penale hanno inoltre inflitto una condanna a 5 anni per la compagna Elisabetta Tulliani, a 6 per il fratello Giancarlo Tulliani e a 5 anni per il padre Sergio Tulliani per l’accusa di riciclaggio. Alla lettura del dispositivo in aula era presente l’ex leader di An.

L'udienza

All’udienza del 18 marzo scorso i pm capitolini titolari dell’inchiesta avevano chiesto una condanna a 8 anni per Fini, a 9 anni per la compagna Elisabetta Tulliani, a 10 anni per il fratello Giancarlo Tulliani e a 5 anni per il padre Sergio Tulliani. Al centro della vicenda giudiziaria c’è la vendita della casa di Montecarlo, lasciata in eredità dalla contessa Annamaria Colleoni ad Alleanza Nazionale, che sarebbe stata acquistata, secondo l'accusa, da Giancarlo Tulliani attraverso società off-shore. Un’operazione effettuata nel 2008, per poco più di 300mila euro e che con la vendita dell'immobile nel 2015 fruttò un milione e 360mila dollari.

L'ex politico

“Non sono deluso: non sono stato ritenuto responsabile di riciclaggio, evidentemente l'unica cosa che ha impedito di assolvermi è l'autorizzazione alla vendita”. A dirlo Gianfranco Fini dopo la sentenza di condanna emessa dal tribunale di Roma a due anni e otto mesi per la vicenda della casa di Montecarlo. 

I punti

"L'unico punto su cui il collegio ha ritenuto di non assolvermi completamente è quell'autorizzazione alla vendita che è del tutto evidente non è stata da me autorizzata. Me ne vado più sereno di quello che si può pensare - ha detto - Ricordo a me stesso che per un’analoga vicenda, una denuncia a mio carico fu archiviata dalla procura di Roma”.

Giustizia lumaca 

“Certo 7 anni per arrivare a una conclusione come questa... È giusto avere fiducia nella giustizia, certo se fosse un po’ sollecita…Dopo tanto parlare, dopo tante polemiche, tante accuse, tanta denigrazione da un punto di vista politico. Responsabile di cosa? Di aver autorizzato la vendita. Non mi è ben chiaro in cosa consista il reato", ha concluso Fini.







Challenge mortale a Roma: ragazzino di 12 anni trovato impiccato davanti al Pc

Challenge mortale a Roma: ragazzino di 12 anni trovato impiccato davanti al Pc


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.