A- A+
Roma
Casa Fendi, il riscatto della Dolce Vita. Sfilata vip per la cena tra le stelle

di Carlotta Marongiu

Largo Goldoni cosparso di fiori e illuminato a giorno dai flash dei fotografi, fan e curiosi che si fanno selfie, massiccio cordone di security, tutti impazziti per l’incredibile parterre di vip internazionali che in abito da sera e ombrello avanzano sul red carpet. E’ il dinner party più blindato ed esclusivo del mese: il monumentale Palazzo Fendi tra via Condotti e via del Corso, più grande boutique al mondo della maison, si rinnova per Rainer Becker. Lo chef che ha reinventato la cucina nipponica nel mondo sceglie Roma, dopo il successo di Londra, Hong Kong, Dubai, Miami, New York, Abu Dhabi, Las Vegas, ed apre il ristorante giapponese Zuma sugli ultimi due piani, con tre cucine ed una strepitosa terrazza panoramica.
I fortunati ospiti vengono accolti da uno staff numerosissimo con champagne e sushi, mentre entrano nella boutique al piano terra firmata dall'architetto Gwenael Nicolas. Dominata dalla scultura sferica a specchio Moon Ball dell'artista NotVital, qui sono esposte le iconiche Baguette, immerse in un tripudio di nicchie in stucco craquelé, poltrone in pelliccia, pannelli in bronzo e marmi. I fotografi impazziscono per le Kardashian madre e figlia, belle quanto stoiche in pelliccia Fendi nonostante i 40 gradi all’interno, ma anche per Ornella Muti, Silvia Venturini Fendi, Sofia Coppola, Giorgio Pasotti, Claudio Santamaria, Miriam Leone, Alessandra Mastronardi. Mentre passano più inosservati Giovanni Malagò, Anna Coliva, Chiara Geronzi col marito Bobo Bocca, i principi Domenico Napoleone e Martin Orsini, il principe Guglielmo Giovanelli Marconi, Matteo Marenghi Vaselli.

La scala in marmo di Lepanto rosso o l'ascensore di vetro rivestito di pellicola in foglia d'argento conducono ai piani. Al primo piano, il laboratorio di pellicceria, il pret-à-porter, le calzature donna e tanti oggetti di design come il tavolo di Massimiliano Locatelli, il tavolo-scultura in bronzo dell'artista Mathias Bengtsson, il divano in velluto degli anni '50 di Federico Munariin. Al secondo piano è un privé per clienti vip, progettato da Emiliano Salci e Britt Moran, che fonde vintage e opere d'arte della collezione Galleria Mazzoleni. Un raro daybed di Giò Ponti degli anni '70, poltrone con intarsi in coccodrillo e pelle, un dipinto di Giorgio de Chirico ed al tavolo in cristallo per 16 persone Bernard Arnault, chairman della holding del lusso LVMH, proprietaria di Fendi e Pietro Beccari, ceo e presidente della maison con la loro vasta corte. Al terzo piano sette suite di superlusso da migliaia di euro a notte, ognuna diversa dall'altra, progettate dall'architetto Marco Costanzi: pareti grigie o in lamina d'oro, profusione di marmi pregiati, specchi di Giò Ponti, affacci su Trinità dei Monti.
Agli ultimi piani il ristorante, linee pulite, design sofisticato in legni pregiati e naturali, sushi preparato a vista dagli chef e l’enorme griglia dove si consuma la esclusivissima vip-abbuffata: già si annuncia che le liste per le prenotazioni dei comuni mortali saranno disponibili solo dopo il 22 marzo.

La serata prosegue ad oltranza, con djset e danze sfrenate nel rooftop, innaffiate da fiumi di champagne e cocktail serviti incessantemente da un esercito di camerieri, pari quasi al numero degli ospiti. Solo al tavolo di Arnault e Karl Lagerfeld nessuno balla, anzi Karl rimane seduto inossidabile con occhiali da sole neri e guanti sino alla fine. Francesca Rivelli in arte Ornella Muti, con un rinnovato look capelli rosa lunghi e turbante, si mette in fila come tutti per omaggiarlo e si avvicina timidamente per un saluto. E’ l’ultimo che Karl concederà nella serata, prima di ritirarsi scocciato da tanta attenzione.
Dopo il restauro di Fontana di Trevi, del Complesso delle Quattro Fontane e di Palazzo della Civiltà, Fendi annuncia di volere continuare a sostenere l'arte e i giovani : finanzierà con 200mila euro l'Istituto per la Conservazione ed il Restauro del ministero dei beni culturali e turismo, con sede nel complesso di San Michele a Ripa Grande.

Tags:
palazzo fendikarl lagerfeldzuma roma
Loading...



Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Elezioni Roma, Berlusconi spinge per Bertolaso: “Con lui è vittoria certa”

Elezioni Roma, Berlusconi spinge per Bertolaso: “Con lui è vittoria certa”

i più visti
i blog di affari
Il mercato della bici in Italia viaggia veloce. Intervista a Gianluca Bernardi
Francesca Lovatelli Caetani
Covid, mio figlio in quarantena ma io non posso fare smartworking: che fare?
di avv. Gian Paolo Valcavi
Recovery Fund. La Commissione europea chiarisca le precondizioni per l'Italia

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.