A- A+
Roma
Case popolari, la chat scandalo e Fuori dal Coro raddoppia: “Il sistema Roma”

Chat tra l'assessore Tobia Zevi e i leader degli occupanti, la trasmissione dei Rete 4, Fuori dal Coro, si prepara al raddoppio con una nuova puntata dedicata al “sistema Roma”, quello che il direttore Mario Giordano definisce il metodo in uso nella Capitale per superare le graduatorie e la legalità.

Nella puntata del 28 marzo (alle 21,25) parlano il sindaco Roberto Gualtieri, il presidente della Commissione Casa, Yuri Trombetti ma c'è grande attesa per il reportage che racconta come le case del Comune “finiscono in mano al clan Spada, secondo la regola del più forte. E tra “i ras” delle occupazioni romane c'è anche Paolo di Vetta, al quale la puntata dedica un profilo e spiega il suo ruolo nella chat dell'assessore. Secondo Giordano, “nella chat non si interveniva per commentare o chiedere, ma si definivano modifiche prima ancora che il Piano casa andasse in Giunta e poi in Consiglio comunale”.

Giordano: "A Roma per avere un aiuto devi violare la legge"

“Quello che accade a Roma – secondo Giordano – è unico: su 550 case popolari assegnate, 210 sono concesse a persone sgomberate attraverso corsie preferenziali che superano le graduatorie. Quindi per avere una aiuto devi violare la legge”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
case popolariclan spadafuori dal coromario giordanopaolo di vettapiano casarete 4scandalo case popolari roma tobia zevi






Il sì senza veli al mare: vola l'immobiliare, romani pazzi per San Vero Millis

Il sì senza veli al mare: vola l'immobiliare, romani pazzi per San Vero Millis


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.