A- A+
Roma
Caso Palamara: il conto monstre delle super indagini lo pagano i contribuenti

Caso Palamara e patteggiamento: la montagna ha partorito un topolino. Anni di indagini, fantasiosi software che trasformano i telefonini in centrali di ascolto e che ovviamente si accendono e si spengono secondo la convenienza, pedinamenti, migliaia di atti di indagine per cosa?

Luca Palamara ha patteggiato con dieci mesi, meno di un borseggio, il reato di traffico di influenze per aver usato il motorino dell'amico e aver accettato una vacanza a Capri.

Dello scenario iniziale è rimasto solo uno sperpero di denaro pubblico

La sostanza è che di tutto lo scenario ipotizzato dalla pubblica ministera non è rimasto nulla se non i soldi che i contribuenti devono pagare per questo scempio e il fango buttato nel frullatore. D'altronde quella Piemme è la stessa che ha speso altre manciate di milioni in una fantomatica infiltrazione mafiosa nelle elezioni regionali, indagando e intercettando per anni un nugolo di pensionati che vengono seguito persino quando vanno alla Posta a pagare le bollette.

L'elenco dei flop di Perugia è lungo

I beni informati parlano di altri flop, sempre di questa procura perugina che da anni cerca il lustro sui giornali invece di preoccuparsi del traffico di droga e di stupefacenti che proprio a Perugia e in Umbria ha raggiunto livelli allarmanti. Un'altra anomalia, che speriamo che il ministro Nordio possa individuare prima o poi magari con i suoi ispettori, che c'è sempre una attività del ROS perugino dei Carabinieri in queste indagini, con il suo comandante persino promosso a Firenze, inanellando una serie di flop clamorosi che in un paese normale, avrebbero chiesto a chi di dovere, di mandare queste persone a dirigere il traffico.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
caso palamaracosti indagine palamaraluca palamarepatteggiamento palamara






Evasi dal carcere minorile, rintracciati due fuggitivi: è caccia al terzo

Evasi dal carcere minorile, rintracciati due fuggitivi: è caccia al terzo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.