A- A+
Roma
Chiesto rinvio a giudizio per Raggi: accusata di falso per la nomina di Marra

La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per falso in atto pubblico per Virginia Raggi nell'ambito dell'inchiesta sulla nomina di Renato Marra, fratello del braccio destro del sindaco di Roma, Raffaele Marra, alla direzione Turismo del Campidoglio.

 

Il sindaco aveva dichiarato di fronte all'Anticorruzione del Comune di Roma di aver scelto di nominare Renato Marra senza alcun condizionamento o suggerimento da parte del fratello. Le indagini avevano però portato alla luce una discussione tramite cellulare tra Raffaele Marra e la Raggi in cui quest'ultima lo accusava di non averla avvertita che con la promozione avrebbe ottenuto un aumento di stipendio. I due ne avevano dunque parlato, contrariamente a quanto dichiarato da Raggi.

Il sindaco era indagato anche per abuso d'ufficio per la promozione di Salvatore Romeo, ma l'accusa è stata archiviata per mancanza dell'elemento soggettivo del reato. Secondo i pm l'avanzamento di carriera stabilito per Romeo e che gli ha consentito di triplicare lo stipendio non è stato fatto con dolo, sebbene la procedura non fosse corretta.

Per le stesse motivazioni è stata sollecitata anche l'archiviazione delle accuse di abuso d'ufficio per le nomine decise da Gianni Alemanno e Ignazio Marino durante i propri mandati.

Virginia Raggi ha immediatamente commentato la notizia su Facebook: "Apprendo con soddisfazione che, dopo mesi di fango mediatico su di me e sul MoVimento 5 Stelle, la Procura di Roma ha deciso di far cadere le accuse di abuso d'ufficio. Secondo i pm di Roma ho rispettato la legge nella scelta del capo della segreteria politica e del dirigente al dipartimento Turismo ed è stata chiesta l'archiviazione per ambedue le ipotesi di reato. Per la Procura ho seguito tutte le norme. Non ci sarebbe mai stata alcuna promozione che non doveva essere fatta come volevano far credere Pd e destra. Non avrei commesso alcun reato per la nomina di Salvatore Romeo: non c’è mai stato alcun ingiusto aumento dello stipendio. Un’accusa infamante riportata per mesi dai giornali e cavalcata dall’opposizione nel tentativo di screditare me ed il MoVimento 5 Stelle. Così come non ci sarebbe alcun abuso nella nomina di Renato Marra. Lo ripeto: ritengo di aver agito secondo la legge. Dopo mesi di indagine, lo attesta la stessa magistratura inquirente. Per mesi i media mi hanno fatta passare per una criminale, ora devono chiedere scusa a me e ai cittadini romani. E sono convinta che presto sarà fatta chiarezza anche sull'accusa di falso ideologico. Abbiamo sempre avuto grande fiducia nella magistratura e continueremo ad averne”.

L'opposizione è subito intervenuta per commentare quanto emerso. Davide Bordoni, coordinatore e capogruppo al Campidoglio di Forza Italia: "Ieri la Raggi è stata bocciata dai sondaggi, è il sindaco meno amato, dai primi posti di un anno fa è scesa all'88esimo. Oggi ​la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio  ​della sindaca per l’accusa di falso nell’ambito dell’inchiesta sul ​le nomine. ​Adesso a chi darà la colpa dei suoi fallimenti e dei suoi errori? Non basta che in poco più di anno sono riusciti a far sprofondare Roma grazie ad una gestione approssimativa e a tratti oserei dire imbarazzante. Adesso, dulcis in fundo, si aggiungono i guai giudiziari del primo cittadino. Forse sarebbe il caso che la sindaca valuti la possibilità di fare un passo indietro​, per il bene di tutti, invece di continuare a fare finta di nulla e cercare dei capri espiatori inesistenti", ha commentato.

Tags:
virginia raggiraffaele marrasalvatore romeorenato marraabuso d'ufficiofalso in atto pubblicoaccusapmprocurasindacocampidogliom5s



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Sistemi di raccomandazione in retail ed education con aKite e SocialThingum
di Francesco Epifania
Cav in campo per le Comunali: "Con Salvini intesa su tutto"
"Ecco il nostro compito: un partito repubblicano"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.