A- A+
Roma
Chiosco degli orrori a Corso Trieste: merce scaduta e sporcizia ovunque
I controlli della Polizia Locale

Sanzioni per oltre 2500 euro e maxi sequestro di alimenti e bevande è il risultato di un intervento eseguito ieri dagli agenti del II Gruppo Parioli della Polizia Locale di Roma Capitale, nel quartiere Trieste. 

Un chiosco degli orrori.

Controlli a tappeto

Nell’ambito dei controlli a contrasto dei fenomeni di abusivismo commerciale e a tutela dei consumatori, le pattuglie hanno eseguito accertamenti in diversi  esercizi della zona, riscontrando alcune irregolarità all’interno di un chiosco dedito alla vendita di prodotti alimentari e bevande varie. In particolare, gli agenti hanno appurato la presenza  di merce scaduta e in pessimo stato di conservazione. 

Prodotti scaduti

Centinaia i prodotti sequestrati: bevande in lattina e in bottiglia,  cibi in scatola e in barattoli di vetro scaduti, anche da anni,  nonché mal conservati, come salse, cioccolata, burro d’arachidi, sottaceti, marmellate, conserve varie. Immediata anche la segnalazione alla Asl territorialmente competente, per le ulteriori verifiche del caso. 

Le sanzioni

Scattate le sanzioni nei confronti del gestore,  anche per il mancato ripristino dello spazio espositivo destinato alla vendita della merce, disposto nel  corso di precedenti controlli,  quando era stato già sanzionato per un ampliamento di suolo pubblico non autorizzato. 







Parchi e agricoltura, insieme si può: il libro di Gubbiotti smentisce l'impossibile coesistenza

Parchi e agricoltura, insieme si può: il libro di Gubbiotti smentisce l'impossibile coesistenza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.