A- A+
Roma
Claudio Martelli sindaco di Roma, lui se la ride: "La tv influenza i sondaggi"

Claudio Martelli sindaco di Roma? Il sondaggio di affaritaliani.it e termometropolitico.it dà nuova vita al piccolo Psi con una proposta insolita che viene dailo 0,6 per cento del campione di votanti. “Non riesco ad entusiasmarmi - commenta l'ex vicepremier e Guardasigilli – non me l'ha proposto mai nessuno. Nemmeno ora”.

Secondo lei questo risultato a sorpresa a cosa è dovuto?

“Guardi a un momento di visibilità televisiva, stiamo parlando dello 0,6%”.

Anche il Psi di oggi ha percentuali simili...

“Resta una curiosità che segnala l'influenza della tv sui sondaggi, non ci vedo molto di più”.

Quali caratteristiche dovrebbe avere un buon sindaco di Roma?

“Sin troppo facile dopo quasi 5 anni di questa gestione. Quello che si chiede a gran voce è la competenza, la serietà, costanza e le idee chiare sui problemi di fondo di questa megalopoli. Il primo problema è stato ed è il traffico, poi le aziende pubbliche. Non tutti sanno che la più grande azienda di Roma è l'Università con oltre 200 mila studenti che si sommano agli insegnanti e all'indotto che chi lavora per i servizi e gestisce i servizi”.

Se fosse sindaco, la prima cosa alla quale metterebbe mano?

“Il traffico”.

E come?

“Chiamerei a consulto i massimi esperti mondiali, quelli che hanno avito risultati a Tokio, Berlino e Città del Messico perché è un problema che penalizza tutta l'economia, quella familiare, sociale e lavorativa”.

Le ha detto di essere un pendolare tra Roma e Milano, con base Roma. Come è cambiata questa città con Alemanno, Marino e la Raggi?

“Le dico che al peggio non c'è mai fine, ma bisognerebbe rovesciare questo adagio e dimostrare che anche al meglio non c'è mai fine”.

Quale futuro c'è per il Psi?

“In questo momento è difficile parlare dei partiti anche perché il Psi e la Lega sono gli unici sopravvissuti della Prima Repubblica. Ancora Psi sarebbe pretendere troppo ma quello che conta è l'idea socialista. Oggi essere democratici non basta, per questo noi abbiamo coniato un termine come socialismo liberale. E' lo stesso approdo che ci guidò negli Anni 80, quando il Psi portò l'Italia ai massimi storici. Il socialismo liberale è un binomio che tene assieme esigenze fondamentali: liberare risorse e investimenti e competenze ma deve anche essere un socialismo per garantire la giustizia sociale e mettere in moto l'ascensore sociale. Che è il grande problema dei giovani. Ecco, i giovani”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    claudio martellipsielezioni roma 2021virgina raggigianni alemannoignazio marinocomunali roma 2021roma 2021



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
    Boschiero Cinzia
    "Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.