A- A+
Roma
Concertone Primo maggio: sedici arresti a San Giovanni: sono tutti spacciatori

Primo Maggio, sedici arresti in piazza San Giovanni e nelle vie limitrofe per il Concertone di San Giovanni organizzato da Cgil, Cisl e Uil: sono tutti spacciatori.

Come di consueto, i Carabinieri del Gruppo di Roma hanno predisposto uno straordinario servizio di controllo, finalizzato alla prevenzione e laddove necessario, alla repressione di ogni fenomeno di illegalità nel Centro Urbano, interessato da una maggiore presenza di persone, nelle aree pubbliche e nei nodi di trasporto in coincidenza con il “concertone” di piazza San Giovanni. Il bilancio dei controlli è di 23 persone arrestate e di altre 4 denunciate a piede libero.

Sedici delle persone finite in manette (quattro romani di età compresa tra i 18 e i 47 anni, un 29enne della provincia di Caserta e 10 tra cittadini della Guinea, del Senegal, del Marocco, dell’Egitto e del Gambia) devono rispondere, a vario titolo, di spaccio e di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti dopo essere stati sorpresi dai Carabinieri mentre spacciavano e perché trovati in possesso di numerose dosi di droga. I militari, nel corso delle perquisizioni, hanno sequestrato complessivamente più di 138 g di hashish, 60 g di marijuana, 2,9 g di eroina, 1,9 g di cocaina e pasticche di ecstasy, oltre alla somma di 750 euro ritenuta provento dell’illecita attività dei pusher arrestati.

Due nomadi 15enni, provenienti dall’insediamento della Monachina, invece, sono stati arrestati dai Carabinieri mentre stavano rubando su un’autovettura in sosta; per una coppia di cittadini romeni di 21 e 23 anni e per una coppia di cittadini cubani di 25 e 30 anni, tutti nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, è scattato l’arresto perché sorpresi, in flagranza di reato, in due distinti episodi, mentre derubavano dei giovani spettatori. In entrambi i casi, i “manolesta” stavano approfittando della calca di persone per rubare dalle borse delle loro ignare vittime due fotocamere digitali.

L’ultimo a finire in manette – in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere - è stato un cittadino del Senegal di 28 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, responsabile dell’inosservanza del divieto di dimora nel Comune di Roma per reati in materia di stupefacenti.

Infine, le 4 persone denunciate a piede libero (un uomo e una donna romani di 45 e 46 anni, una 34enne originaria della provincia di Potenza e un cittadino algerino di 28 anni, tutti con precedenti) dovranno rispondere, i primi tre di furto, mentre il quarto della ricettazione di un telefono cellulare.

Commenti
    Tags:
    primo maggioproteste primo maggioprimo maggio 2019corteo sindacatimanifestazione 1 maggiomanifestazione sindacatiprimo maggio romaprimo maggio tarantoprimo maggio bolognaprimo maggio milanofesta del lavorocorteo primo maggio torinocorteo primo maggio triestecorteo primo maggio bolognacisluilcgil


    Loading...



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Tavolini salva Covid per ristoranti: Raggi fa dietrofront: “Si può fare ma”

    Tavolini salva Covid per ristoranti: Raggi fa dietrofront: “Si può fare ma”

    i più visti
    i blog di affari
    "Vorrei fare testamento, ma non mi fido della ex. Come tutelare la mia bimba?"
    Di Rebecca Sinatra *
    Società Umanitaria. Cyberbullismo tra lockdown e iperconnessione. 8 giugno
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Elefantessa uccisa-morte Floyd: la cattiveria di cui è capace l’uomo
    Di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.