A- A+
Roma
Condanna a 2 anni per Genny 'a carogna. Ma non per la maglietta "Speziale libero"

Condanna a due anni e due mesi (senza sospensione condizionale della pena) per Gennaro De Tommaso, noto alle cronache con il soprannome di "Jenny 'a Carogna", il tifoso napoletano finito a processo per i disordini scoppiati allo stadio Olimpico il 3 maggio dello scorso anno, in seguito al ferimento mortale di Ciro Esposito.
De Tommaso, difeso dall'avvocato Lorenzo Contucci, è stato condannato in abbreviato per resistenza a pubblico ufficiale, e per lo scavalcamento della recinzione che separa il campo da gioco dagli spalti.
Assolto, invece, dall'accusa di induzione al lancio di oggetti in campo, e per aver indossato una maglietta incitante alla violenza, con su scritto "Speziale Libero" - in relazione alla condanna del tifoso del Catania, ritenuto responsabile della morte dell'ispettore di polizia Filippo Raciti - la sentenza, emessa dal gup Giulia Proto, ha riguardato anche altri tre tifosi coinvolti nelle stesse circostanze, condannati a 1 anno e otto mesi di reclusione -con pena sospesa- per resistenza a pubblico ufficiale. Un quinto sostenitore azzurro, sarà invece processato con rito ordinario.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
genny 'a carognaspezialecoppa italiastadio olimpicoultrasciro esposito



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
Angelo Andriulo
Porto di Trieste, sgombero con gli idranti: il "potere" che spegne la rivolta
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Meglio praticare sport o fare una dieta?
Anna Capuano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.