A- A+
Roma
Convento rifiuta non vedenti: "Niente cane guida". La denuncia animalista

"Il cane guida non è ammesso", niente animali: visitatori non vedenti rifiutati. Ira degli animalisti, denunciato un convento gestito da suore.

 

A riportare l'episodio l'Enpa, Ente nazionale per protezione animali, che ha raccolto la disavventura di alcuni pellegrini, che si sono visti respingere la loro prenotazione a causa della presenza di due cani-guida. Erano 15 in totale le persone non vedenti dell'associazione "Disabilincorsa", che hanno dovuto rinunciare al cammino della via Francigena perché una struttura di Acquapendente, la Casa di Lazzaro, ha rifiutato gli animali.

La Casa di Lazzaro è una struttura gestita da religiose in provincia di Viterbo e dà il nome a una Onlus “aperta ai bisogni del territorio, disponibile ad offrire un ambiente familiare che accoglie, ascolta, condivide, accompagna”. "Tutti, tranne i non vedenti insieme con le loro guide a quattro zampe.  Eppure - sottolinea Enpa - alla responsabile della struttura, Suor Amelia Cerchiari, era stato ricordato che per un preciso obbligo di legge i cani guida devono seguire il loro proprietario in tutti i luoghi aperti al pubblico".

Enpa, che ha raccolto e che si è fatta portavoce dello sconcerto di Disabilincorsa ha attivato il proprio ufficio legale con una diffida inviata alla struttura. Il rifiuto di accogliere i cani guida – si legge nella diffida – non rappresenta l’esercizio di una facoltà, ma configura una grave violazione normativa (leggi: 34/1974, 376/1988, 60/2006), per la quale è prevista una multa da 500 a 2.500 euro.  L’auspicio dell’Ente Nazionale Protezione Animali è che le religiose della “Casa di Lazzaro” tornino sui loro passi e consentano ai pellegrini non vedenti con cani guida di compiere il loro cammino; se così non fosse l’Ente Nazionale Protezione Animali è pronto ad andare fino in fondo con il proprio avvocato, Claudia Ricci.

“Sono sconcertata dalla facilità con cui nel quotidiano vengono disattesi quei bei valori e a quei nobili principi cui l’associazione 'Casa di Lazzaro' dichiara di ispirarsi . In questa brutta storia – commenta la presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi – le norme di legge c’entrano fino a un certo punto. Da chi proclama di essere chiamato a portare 'Cristo là dove c'è peccato e dolore, dove c'è ingiustizia e ignoranza, dove c'è indifferenza a Dio' mi sarei aspettata un’accoglienza senza se e senza ma per i non vedenti e per i loro cani guida. A prescindere da eventuali obblighi di legge. Perché la vera solidarietà è a priori e non fa discriminazioni tra situazioni di disagio”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    conventosuorenon vedentifedelireligosicane guidaanimalistidenunciaenparomavia francigena



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Meglio praticare sport o fare una dieta?
    Anna Capuano
    A Kabul di scena il male dei talebani
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Green Pass, ottenere uno Stato totalitario instaurando un regime terapeutico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.