A- A+
Roma
Coronavirus: “Bisogna arrestare tutti”. La furia del medico di base. Il video

di Fabio Carosi 

Coronavirus: da 40 anni in prima linea tra Pronto soccorso e medicina di base, Mariano Amici, medico di base della Asl RM6, è furioso contro la gestione del virus, i suoi stessi colleghi che prescrivono farmaci inutile, le aziende farmaceutiche e le multinazionali “che speculano”.

Ad affaritaliani.it dice: “Bisogna arrestare tutti, perché questa è una guerra che non finirà. Il Coronavirus tornerà anche il prossimo anno e mutato, dobbiamo farci l'abitudine perché ornai le guerre non sono più con le atomiche ma virali e batteriologiche”.

 

Spiega il dottor Amici in un lungo e dettagliato sfogo: “Il problema vero e che bisogna comprendere è che questo è il primo episodio eclatante e che ne verranno altri. I Governi dovrebbero capire di indirizzare le risorse laddove servono non sperperare soldi in farmaci sintomatici che non servono a niente e spesso sono nocivi. Anche la popolazione deve capire quando curarsi. Però viene pubblicizzato quel farmaco sui media perché le case farmaceutiche devono fare profitti. Il mondo non è indirizzata dalla scienza ma solo dall'economia, Laddove c'è da sciacallare e le multinazionali ci si gettano e a poco importa se la popolazione muore. Se ci fossero governi capaci dovrebbe arrestare tutti coloro che producono certi farmaci che spesso sono nocivi e arrestare tutti coloro - e parlo anche di alcuni dei miei colleghi che prescrivono farmaci che non servono a niente”.

mariano amici 02
 

L'esempio dei cotton fioc

“Invece assito alla pubblicizzazione dei cotton fioc che oltre che inquinare tutti i mari del mondo producono danni seri all'orecchio. Il cerume è una sostanza che nell'orecchio ci deve stare. Perché consentire a chi vende questi prodotti di pubblicizzarli?. Andrebbero arrestati. Ho parlato cotton fiocc ma se volete parliamo di spray nasali che fanno danni permanenti e che creano dipendenze”.

"Questa è una guerra moderna"

Questa gente andrebbe punita penalmente. Dobbiamo immaginare che i governi “imperialisti non fanno più le guerre con le bombe atomiche ma con armi chimiche e virali. Oggi è un virus che è venuto fuori ma mutano ognio anno. Il Coronavirus di quest'anno non sarà quello del prossimo anno, ecco perché è importante potenziare le difese immunitarie. Dobbiamo risparmiare sui farmaci sintomatici e potenziare i centri di ricerca per trovare i farmaci che curano la malattia e non il sintomo. Bisogna indirizzare la spesa, i soldi delle tasse nelle spese giuste e non nelle spese che servono per ingrassare le multinazionali che stanno dietro la farmaceutica.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    mariano amicimedico di baseardeaasl rm6aziende farmaceutichemultinazionalimedicinemedicinalicoronavirus italiacoronavirus italia newscoronavirus italia 18 marzocoronavirus italia mappacoronavirus italia contagicoronavirus italia morticoronavirus italia piccocoronavirus bollettino protezione civilebollettino protezione civile



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Zaino sospeso: l'iniziativa continua
    Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.