A- A+
Roma
Coronavirus, casi sospetti su una nave a Civitavecchia: in 6mila fermi a bordo

Virus cinese, due casi sospetti a bordo di una nave della Costa Crociere ferma al porto di Civitavecchia. Due turisti, moglie e marito cinesi di Hong Kong, sono in isolamento nell'ospedale di bordo: solo la donna ha febbre e presenta "lievi sintomi influenzali". Circa 6 mila passeggeri della nave bloccati a bordo.

 

Per avere la certezza sulle condizioni di salute e per escludere o confermare il contagio con il coronavirus sarà comunque necessario attendere i risultati dei prelievi che sono stati inviati all'ospedale Spallanzani di Roma e che dovrebbero arrivare nel pomeriggio. Il compagno non ha manifestato sintomi ma è stato isolato per precauzione.

La coppia era arrivata da Hong Kong all'aeroporto Malpensa di Milano lo scorso 25 gennaio per poi dirigersi a Savona, dove è salita sulla nave per la crociera. La coppia era arrivata in Italia a Malpensa il 25 gennaio. Sulla nave ci sono 751 cinesi compresi quelli di Hong Kong di cui 374 imbarcati a Savona.

"La situazione è sotto controllo e al momento non risulta che vi siano motivi di preoccupazione a bordo", dice il comandante della direzione marittima del Lazio della Guardia Costiera Vincenzo Leone. "Si stanno seguendo tutti i protocolli previsti e terremo costantemente monitorato il caso", afferma il sindaco di Civitavecchia Ernesto Tedesco.

Coronavirus: nave Civitavecchia, primi esami "esito negativo"

I primi esami effettuati sulla donna cinese che era a bordo della nave da crociera, a quanto si apprende, sarebbero negativi. Si è in attesa della conferma ufficiale.

Coronavirus: nave Civitavecchia non riparte stasera

La nave Costa Smeralda non ripartirà stasera ma resterà attraccata al porto di Civitavecchia, dopo essere stata bloccata per la presenza a bordo di un sospetto caso di coronavirus, già smentito dalle prime analisi. Circa mille persone che dovevano imbarcarsi sulla nave per iniziare la crociera - al posto di quelle che devono scendere a Civitavecchia, ma che a loro volta sono ancora bloccate a bordo - sono in stand by nell'attesa che si sblocchi la situazione che consenta lo sbarco dei passeggeri. Secondo quanto si apprende dalla Costa, alle mille persone sono state offerte la cena e il pernottamento in alberghi nella zona di Civitavecchia. La loro partenza per la crociera - che doveva tenersi oggi - dovrebbe esserci domani mattina. Anche se, viene spiegato, non ci sarà la tappa prevista a La Spezia e la nave andrà direttamente a Savona.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    virus cinavirus cinesecoronaviruscoronavirus cinacoronavirus sintomicoronavirus virus italiavirus cina ultima oravirus cinese in italiacoronavirus italia casivirus cinese romacoronavirus romacoronavirus civitavecchiacivitavecchiaporto civitavecchiacosta crociera



    Roma: botteghe storiche, ora c'è la legge di tutela. Fondi per 2,4 mln

    Roma: botteghe storiche, ora c'è la legge di tutela. Fondi per 2,4 mln

    i più visti
    i blog di affari
    Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
    CasaebottegaJalisse
    Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
    di Avv. Francesca Albi*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.