A- A+
Roma
Coronavirus, crack dell'olio extravergine. L'alta qualità un prodotto di lusso

Olio d'oliva extravergine made in Italy: dalle stelle alle stalle. Dopo anni di prezzi al rialzo, il Coronavirus, getta l'intera filiera in recessione: Anzi in crisi nera con un crollo dei prezzi del 44% causato da un calo delle vendite del'80%.

Insomma, per il produttori di olio extravergine, meglio noto come Evo, è tracollo senza precedenti, attribuito dall'Unione delle aziende olivicole (Unaprol) alla chiusura di ristoranti, bar e agriturismo in aggiunta al crollo delle presenze turistiche e alla difficoltò di esportazione per la riduzione dei voli commerciali.

La giustificazione al crollo addotta dai produttori un po' fa sorridere. Attribuire al Covid-19 “un crack da 2 mld di euro significa sostenere che la crisi ha bloccato totalmente i consumi interni, quando in realtà il lockdown ha contribuito ad aumentarli. Dunque, l'extravergine di alta qualità, quello che oscilla tra i 12 e anche i 18 euro a bottiglia (speso da 0,75 e non da un litro) si conferma un prodotto di alta gamma, quasi un lusso, il cui calo dei consumi e il conseguente crollo del prezzo è pi da attribuire al blocco dell'export che alla contrazione della domanda.

Ciononostante la lobby di produttori si scatena con una lista di richieste al Governo. Spiega David Granieri, produttore di olio e presidente appena riconfermato di Unaprol: “Un impatto devastante a livello economico, occupazionale e ambientale per una filiera che conta oltre 400 mila aziende agricole specializzate in Italia – spiega il presidente David Granieri - ma anche il maggior numero di oli extravergine a denominazione in Europa (43 DOP e 4 IGP), con un patrimonio di 250 milioni di piante e 533 varietà di olive, il più vasto tesoro di biodiversità del mondo. Tra le varie azioni per superare il crack causato dall’emergenza sanitaria, c’è sicuramente il riconoscimento IGP Roma, che consentirebbe la valorizzazione di un prodotto territoriale e favorirebbe l’esportazione. I disciplinari, invece, sono fermi sui Tavoli ministeriali da troppo tempo”. 

Alla fine l'indagine di Coldiretti svela la realtà: “Ad incidere sulle imprese olivicole italiane è anche il crollo del 44% dei prezzi pagati ai produttori, scesi a valori minimi che non si registravano dal 2014. Un trend causato dalla presenza sul mercato mondiale di abbondanti scorte di olio “vecchio” spagnolo, spesso pronto a essere spacciato come italiano. Questo accade a causa della mancanza di trasparenza sul prodotto in commercio, nonostante sia obbligatorio indicare l’origine per legge in etichetta dal primo luglio 2009, in base al Regolamento comunitario n.182 del 6 marzo 2009. E sempre a causa dell’emergenza sanitaria si registra una disdetta di oltre l’80% delle commesse, sia nazionali che estere, per le eccellenze di olio Dop, Igp, Doc e Docg”.

Dunque, il mercato del consumo interno gioca al ribasso e il primo risparmio avviene sull'olio, un componente essenziale per la cucina mediterranea.

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirusolio extravergineuniprolcoldirettidavid granieriolio evolussoextralussoexport italiaolio spagnolocrisi dell'olio




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Comunali Roma 2021, a sinistra c'è fermento. Paolo Berdini studia da sindaco

    Comunali Roma 2021, a sinistra c'è fermento. Paolo Berdini studia da sindaco

    i più visti
    i blog di affari
    Pompeo ha ragione: Vaticano non rinnovi intesa con Pechino su nomina vescovi
    Ernesto Vergani
    Reati, la giurisprudenza come la medicina: prevenirli è meglio che sanzionarli
    Di Valentina Eramo *
    Milano Wine Week al Just Cavalli. Lombardia Wine Tasting Experience 8 ottobre

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.