A- A+
Roma
Coronavirus: “Dammi i soldi per l’erba light”, e picchia il padre. Arrestato

In piena astinenza vista l'emergenza Coronavirus, chiede i soldi al padre per andare a comprare l'erba light e scoppia una rissa furibonda davanti alla madre e la zia: 21enne romano arrestato per il reato di atti persecutori e maltrattamenti.

 

Nel pomeriggio di mercoledì gli agenti del commissariato Porta Pia sono intervenuti in via Padova per una segnalazione di lite in famiglia tra padre e figlio. Arrivati sul posto hanno trovato due uomini in evidente stato di agitazione e in particolare il richiedente, padre del ragazzo, che brandiva un bastone di legno comunemente utilizzato come appendiabiti per difendersi dall’aggressione del figlio che, poco prima, aveva impugnato il coltello presente sul ripiano della cucina come indicato dall’uomo.

Il figlio P.A. 21enne, è stato trovato dai poliziotti nel soggiorno e, in stato di agitazione, asseriva che qualche istante prima era venuto in lite con il padre poiché quest’ultimo si era rifiutato di cedergli del denaro per l’acquisto di sostanza “Erba Light”, in quanto incompatibile con la terapia psichiatrica da lui quotidianamente assunta e richiesta in sostituzione della sostanza del tipo “cocaina”, di cui riferiva esserne abituale assuntore. Inoltre, all’interno del soggiorno, erano presenti anche la madre e la zia del ragazzo scosse dall’accaduto. Le due donne hanno confermato quanto riportato dal padre del 21enne, in particolare la zia ha affermato che nel frapporsi tra il fratello e il nipote che impugnava il coltello, era stata spintonata da quest’ultimo che nel compiere tale gesto aveva fatto cadere il coltello sul ripiano della cucina. Il padre del ragazzo ha inoltre riferito che durante la lite, al fine di proteggere se stesso, la sorella e la moglie, aveva utilizzato il bastone in legno colpendo il figlio al volto e al braccio.

Entrambi i genitori del ragazzo hanno riferito che la circostanza occorsa si era già verificata in passato e che il figlio era in cura da circa due anni presso una struttura dedicata all’assistenza psicologica. Il ragazzo, trasportato al nosocomio Santo Spirito per le cure del caso, è stato in seguito dimesso.

Vista la pericolosità e la gravità dei fatti reiterati nel tempo, per P.A. si sono aperte le porte del carcere.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronaviruserba lighterbaarrestatopoliziapicchia padrelite familiareatti persecutorimaltrattamenti



    Scuola, Pratelli: "Asilo nido gratis se Isee sotto ai 25mila euro"

    Scuola, Pratelli: "Asilo nido gratis se Isee sotto ai 25mila euro"

    i più visti
    i blog di affari
    Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.