A- A+
Roma
Coronavirus, focolaio nel carcere di Rebibbia: 5 positivi. Allarme mascherine

Coronavirus, trona l'incubo Covid nel carcere romano di Rebibbia. Dopo le due detenute contagiate ad inizio pandemia, il virus è tornato nel penitenziario sempre nell'ala riservata alle donne. Questa volta ad essere infette sono cinque persone: due detenute, due agenti della Polizia Penitenziaria più un infermiere.

A dare la notizia sono Aldo Di Giacomo e Gina Rescigno, rispettivamente segretario generale del Sindacato di Polizia Penitenziaria e segretaria generale aggiunta del Sindacato di Polizia Penitenziaria oltre che responsabile sindacale nazionale del comparto Polizia Penitenziaria femminile. I due rappresentanti, vista la grave situazione che si profila nella struttura penitenziaria romana dichiarano che “nonostante siano passati mesi da quanto è esplosa la pandemia da Covid-19, sembra che il sistema penitenziario ancora non abbia ben compreso la gravità e continua imperterrito a commettere gravi errori di gestione del personale, delle persone detenute e di tutti coloro che a vario titolo accedono nelle strutture penitenziarie, permettendo al virus di diffondersi, con nefaste conseguenze per la gestione delle strutture carcerarie del Paese”.

“Ancora si continua a non adottare le dovute precauzioni finalizzate ad impedire che, il personale di Polizia, il personale civile, i medici e gli infermieri che abbiano avuto contatti con persone infette o potenzialmente infette da Covid-19 non vengano impiegate in servizio in attesa dell'esito dei tamponi - continua la nota dei due rappresentanti sindacali -. Questo è quello che sembra essere accaduto a Roma Rebibbia Femminile. È impensabile poter accettare che si permetta a persone che hanno avuto un sicuro contatto con altri individui risultati affetti da Covid-19 di poter continuare a svolgere la propria attività come se nulla fosse, anzi costringendoli a lavorare e trasformarli in untori di manzoniana memoria”.

“Dalle fonti a noi accessibili – continuano –, sembrerebbe addirittura che all'interno della struttura penitenziaria in argomento, così come in molte altre strutture penitenziarie del Paese, ancora oggi, in moti casi, vi sia un uso dei Dpi non propriamente rispondente a quelle che sono le reali esigenze finalizzate a prevenire e contrastare il propagarsi dei contagi, questo perché non è presente una reale linea di condotta comune e coordinata. In merito a questi ultimi casi di contagio da Covid-19, avvenuti nel carcere romano di Rebibbia Femminile, auspichiamo che il Ministro della Giustizia Bonafede ed il Capo del Dap Petralia, vogliano disporre immediati ed approfondite verifiche finalizzati ad accertare eventuali responsabilità in ordine ad errate prassi adottate o permesse o alla mancata predisposizione di idonee misure atte a garantire la prevenzione ed il contenimento dei contagi”.

“Chiediamo, inoltre, a gran voce che tutto il personale di Polizia Penitenziaria in servizio preso la Struttura di Rebibbia Femminile, così come il personale civile e sanitario, sia sottoposto a test sierologico o tampone, stessa cosa per le detenute presenti. Rivolgiamo un accorato appello a tutti i Dirigenti Penitenziari affinché capiscano o si mettano nelle condizioni di capire che la tutela della salute dei propri dipendenti - concludono i due rappresentanti sindacali -, così come quella delle persone detenute a loro affidate, è il primario obbiettivo da perseguire e garantire e che costringere delle persone a lavorare in condizioni di precarietà o insicurezza sanitaria è un atto criminale che va perseguito e condannato in ogni sede e con ogni mezzo”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus rebibbiarebibbiacarcere rebibbiacarcere femminile rebibbiamascherine carceresindacatopolizia penitenziaria



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
    Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.