A- A+
Roma
Coronavirus: #iorestoacasa ma Zingaretti regala 50 mln a musei e sagre paesane

Coronavirus: buoni pasto a chi non ha da mangiare, cassa integrazione per le aziende, sospensione dei tributi locali: in uno scenario di recessione economica, la Regione Lazio firma spese per quasi 50 milioni di euro destinati a cultura, musei e ai piccoli comuni.

Il ritorno di Nicola Zingaretti dai postumi del Coronavirus è segnato da una maxi delibera di spesa, la numero 107 del 17 marzo, con la quale la Regione Lazio, apre l cassetto dei soldi e distribuisce a enti, istituzioni e comuni “amici” qualcosa come 50 milioni di euro previsti dal piano annuale della cultura. Con una corsia preferenziale, la delibera della presidenza oggi arriva alla Commissione presieduta da Pasquale Ciacciarelli della Lega insieme ai membri del Pd, Marta Leonori e Valentina Grippo, dagli M5S Gaia Pernarella e Francesca De Vito, Laura Corrotti della Lega a Marietta Tidei del Gruppo Misto.

A loro il presidente Zingaretti chiede l'approvazione del maxi piano milionario con il quale la Regione garantisce sì il funzionamento di una serie di strutture museali e Istituti Culturali, ma al di là di stipendi e bollette di archivi storici e librerie nelle quali nessuno può andare per via del lockdown per diversi mesi, dà soldi a palate che nel momento drammatico dell'emergenza Coronavirus, appaiono fuori luogo e forse inutili.

Nel maxi piano ci sono 25 mila euro per il museo di via Tasso, 20 mila per l'archivio della Città di Fiume, ma anche 200 mila euro per vaghi istituti culturali, sino a una meravigliosa indagine di soddisfazione dei clienti (che non possono andarci perché bloccati in casa) per misurare il gradimento dei servizi culturali.

Tra ecomusei e piani di formazione per gli operatori dei servizi culturali (che non possono fare perché anche loro bloccati in casa), spiccano più di 4,7 milioni di euro per sostenere la cultura dei piccoli comuni, soldi che spesso finiscono per sostenere le sagre estive, sempre ispirate alla cultura, perché persino la giornata degli sbandieratori, in estate finisce a tarallucci e vino, porchetta e salsicce.

Sulla vicenda surreale di procedere alla votazione del Piano, un uno scenario di guerra, è intervenuto il consigliere Stefano Parisi, unica voce che si è fatta sentire durante la commissione dei capigruppo che doveva decidere di calendarizzare la riunione della commissione che dovrebbe dare il via libera a un fiume di denaro: “Va rifatto un nuovo bilancio a seguito del coronavirus – ha tuonato Parisi – perché ggi le priorità sono imprese e famiglie senza soldi. Recuperiamo dal bilancio tutti i soldi stanziati su capitoli che non siano prioritari e diamo liquidità al tessuto produttivo della nostra regione. La commissione cultura non è una priorità, non andava neanche convocata”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronavirusregione laziofondi culturafondi per museilegaciacciarellicrisi economicasostegno alle impresestefano parisipdzingaretti presidente regionezingaretti segretario pd



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Italia nazione più colpita in Europa dal traffico di identità digitale
    Con Enrico Letta c’è il futuro verde del PD e dell’Italia
    Mauro Buschini*
    Riforma Fiscale 2021: cosa cambia davvero per le imprese?
    Gianluca Massini Rosati


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.