A- A+
Roma
Coronavirus, le carceri sono ormai lazzaretti “Vaccinate detenuti e operatori"

I penitenziari romani continuano a generare focolai: 23 i positivi a Rebibbia. E il garante dei detenuti chiede scarcerazioni e vaccini veloci per chi stia scontando la pena e per quanti lavorano all'interno.

“Ha ragione il ministro Speranza: non bisogna abbassare la guardia contro il Covid. La sua diffusione è ancora intensa, in modo particolare negli ambienti e tra le persone con maggiore vulnerabilità, come nelle Rsa e nelle carceri. A Roma, dopo quello di Regina Coeli, che va finalmente chiudendosi, è attivo dall’inizio dell’anno un focolaio a Rebibbia Nuovo complesso. Questa mattina erano 23 i detenuti positivi al virus, ma lo screening è ancora in corso e potrebbero aumentare”. A dirlo è il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà della Regione Lazio, Stefano Anastasìa, commentando i dati sulla diffusione del coronavirus nelle carceri, forniti del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap) del ministero della Giustizia.

Secondo i dati del Dap aggiornati alle 20 dell'11 gennaio scorso, sono 624 i detenuti negli istituti penitenziari d'Italia positivi al Coronavirus, 587 dei quali asintomatici, 26 i ricoverati. Gli agenti della polizia penitenziaria contagiati sono 647, 64 dei quali sintomatici. Sessantuno i positivi fra il personale amministrativo e dirigenziale penitenziario. Secondo lo stesso report, i detenuti contagiati nelle carceri del Lazio sono 97.

“Gli operatori sanitari e gli operatori penitenziari – prosegue Anastasia - stanno affrontando queste sfide con grande senso di responsabilità e spirito di sacrificio, ma questa situazione e il continuo rischio dell’accendersi di nuovi focolai, anche con il coinvolgimento degli stessi operatori è difficile da sostenere. Per questo, rinnovo l’appello alla riduzione del numero dei detenuti e alla tempestiva vaccinazione di detenuti e operatori. Nonostante le autorevoli indicazioni del procuratore generale Salvi, in carcere sono ancora numerose le persone in attesa di giudizio, anche per reati non violenti, di cui sarebbe auspicabile la immediata scarcerazione”.

“Ci aspettiamo che governo e parlamento rinnovino i permessi e le licenze straordinarie a semiliberi, lavoranti e ‘permessanti’ fino al nuovo termine della emergenza Covid, che il ministro ha anticipato sarà portato al 30 aprile. Infine, - conclude Anastasìa - aspettiamo risposte dal ministro, dal commissario Arcuri e dalle regioni sulla necessaria anticipazione della campagna vaccinale nelle carceri, a partire dagli anziani e dai portatori di patologie a rischio”.



 


 

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus romacovid-19carcerigarante dei detenuti


    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma, truffe agli anziani da finti carabinieri e finti avvocati: 7 arresti

    Roma, truffe agli anziani da finti carabinieri e finti avvocati: 7 arresti

    i più visti
    i blog di affari
    Webinar. Milano. Quale futuro del trasporto pubblico urbano post covid-19
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Crisi, Conte ter o Draghi? Poco cambia. Chi vince è sempre la classe dominante
    Di Diego Fusaro
    Equità e cure, Intelligenza Artificiale in guerra, borse di studio, nuove app
    Boschiero Cinzia

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.