A- A+
Roma
Coronavirus: medici di base mandati al macello senza mascherine né guanti

Coronavirus, a Roma e nel Lazio la battaglia per contenere la diffusione e tenere sotto controllo i guariti si combatte a mani nude. Per i medici di base, zero mascherine, zero guanti, zero camici monouso e neanche l'ombra di un sistema di biocontenimento. E di tamponi neanche a parlarne: no ce ne sono.

Lo ha deciso la Regione Lazio con un'ordinanza datata 17 marzo, la numero Z00009 con la quale al punto 2 ordina ai Medici di Medicina Generale associati in Unità di cure Primarie (UCP) o i Pediatri di Libera Scelta associati in Unità di Cure Primarie Pediatriche (UCPP) di individuare un referente COVID il quale riceverà i DPI, in caso sia necessario provvedere a visita medica domiciliare”.

Nell'ordinanza non si fa menzione di nessun tipo di attrezzatura di protezione per coloro che dovrebbe girare di casa in casa e valutare se il paziente che ha richiesto la visita ha i sintomi tipici del Coronavirus. E tra i medici di base c'è chi non ha digerito l'ordine perentorio di Nicola Zingaretti e dell'assessore alla Sanità Alessio D'Amato perché la principale osservazione è quella di poter essere contagiato e di diventare involontariamente un veicolo di trasmissione del virus.

Insomma, la procedura messa in atto dalla Regione Lazio paradossalmente potrebbe essere un amplificatore del virus, poiché alcuni dei medici di base, avrebbero sotto il loro controllo bacini che vanno sino a 15 mila persone. Da lato del paziente, chi chiede l'intervento domiciliare del medico di base per “dubbio Coronavirus” non ha nessuna garanzia sulla possibilità che si alo stesso medico “un portatore”.

Spiega il dottor Giuseppe Di Donna, presidente regionali Snami Lazio (Sindacato nazionale autonomo medici italiani) secondo sindacato rappresentativo per numero di medici di medicina generale iscritti: “A livello nazionale è stato stabilito che dovevano essere create delle Unità assistenziali per supportare i medici di famiglia, dotando queste “Usca di attrezzature idonee e presidi di bio contenimento. Nel Lazio è stata data come ipotesi futuribile e questo è andato contro il disposto nazionale, mettendo in campo un medico per ogni Ucp costituite da gruppi di medici. Questo medico non è stato per ora indicato dalle Asl perché chiediamo norme di sicurezza e a questi medici non sappiamo che tipo di presidio. In alcune Asl, poi, ai medici di medicina generale sono stati distribuiti presidii insufficienti”.

Dottor Di Donna, qual è il bacino di pazienti per ciascun medico che dovrebbe girare di casa in casa?

“Nel Lazio, in alcuni realtà territoriali esistono Ucp costituite sino a 17 medici. Se deve essere individuato un unico referente il medico si potrebbe trovare nella situazione di dover visitare anche 17 mila persone. Considerate queste due situazioni e l'entità numerica, chiaramente noi abbiamo detto no: va contro il disposto nazionale In altre regioni come Friuli, Marche e Toscana e Piemonte e da ieri partiva l'ufficialità della funzione delle Usca (Unità speciali continuità assistenziale) mentre nel Lazio vorrebbero farla partire individuando un solo referente per visite a presunti infetti e o in dimissioni dagli ospedali”.

E la Regione Lazio?

“Non ha accolto nessuna delle nostre proposte”.

A Roma già 94 medici contagiati: "Senza tamponi sarà una strage"

Loading...
Commenti
    Tags:
    regione laziomedici di baseordinanza regione lazio coronavirusregione lazio coronaviruscoronaviruscoronavirus italiacoronavirus italia contagicoronavirus italia newscoronavirus italia mappacoronavirus italia morticoronavirus italia casicoronavirus italia 26 marzocoronavirus contagi italiacoronavirus contagi 26 marzocoronavirus morti in italiacoronavirus bollettino 26 marzocoronavirus bollettino protezione civilebollettino coronavirusbollettino coronavirus protezione civilebollettino coronavirus 26 marzoprotezione civile bollettinisnamizingaretti coronavirusalessio d'amatogiuseppe di donna


    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Zingaretti, Meloni e Salvini: “Il patto a tre contro la Raggi”. Attacco M5S

    Zingaretti, Meloni e Salvini: “Il patto a tre contro la Raggi”. Attacco M5S

    i più visti
    i blog di affari
    Mobilità urbana. NIU apre il Flagship Store a Roma, negozio monomarca
    Paolo Brambilla - Trendiest
    'Tutti i colori dell’Italia che vale' racconta le storie di persone coraggiose
    di Mariella Colonna
    I commercialisti contro Saviano. "Noi non c'entriamo con l'usura"

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.