A- A+
Roma
Coronavirus, riparte la paura. Allarme al Policlinico: 4 infetti a Geriatria

Coronavirus a Roma, un nuovo focolaio e di nuovo all'Umberto I, questa volta nel reparto di Geriatria, dove sono stati scoperti 4 pazienti positivo all'esame Covid-19.

L'allarme è suonato nell'Unità Operativa Complessa di Geriatria a seguito di 4 test effettuati su altrettanti pazienti che davano segni di infezione da Covid-19 e che sono poi risultati positivi. Così è scattata la chiusura di tutti gli ambulatori e della Clinica Medica di via del Policlinico 155, quindi tutti i medici e gli specializzandi sono stati messi in isolamento fiduciario.

Per il Policlinico non è la prima volta. In pieno lockdown il reparto di Oncologia era divenuto un pericoloso focolaio e si era resa obbligatoria la chiusura e la sospensione di ogni terapia per i malati oncologici. Il nuovo focolaio ospedaliero si aggiunge alla scoperta di 2 commessi di un negozio di via Condotti, risultati positivi al test sierologico.

Si tratta di un uomo di 33 anni e di una donna di 55, tornati al lavoro da diverse settimane. Per loro la tracciabilità degli spostamenti e dei contatti con i clienti è di fatto una missione impossibile.

Aurigemma, Fdi: "Commissariamo l'ospedale"

E per l'ospedale arriva anche la richiesta di commissariamento. Lo chiede a gran voce il consigliere di Fdi, Antonello Aurigemma che parla di struttura sanitaria fuori controllo: “La più grande struttura ospedaliera oramai è completamente fuori controllo: sindacati che interrompono i rapporti con l’Azienda, reparto di Oncologia senza medici, liste di attesa interminabili e prestazioni sanitarie bloccate. Sono anni che denunciò l’incapacità della Direzione generale nel totale silenzio dell’Amministrazione Zingaretti. Ora la situazione è diventata insostenibile e la pazienza dei cittadini e oramai esaurita. Per questo motivo ho chiesto un’audizione con i vertici della sanità regionale per decidere il commissariamento della struttura sanitaria. Penso agli uomini e alle donne e ai bambini che ogni giorno si recano al Policlinco per cercare di curarsi; penso ai medici e agli specializzandi e al personale sanitario e ho paura per loro. La disorganizzazione dell'Umberto I è come una pandemia che non finisce mai. E la politica è assente: è ora di restituire il diritto alla sanità ai romani. Solo Zingaretti e D'Amato non hanno paura?".

Roma in piena emergenza sanitaria: Parla Luisa Regimenti, Lega

Commenti
    Tags:
    policlinico umberto icoronaviruscoronavirus italiacoronavirus italia contagicoronavirus italia newscoronavirus italia mappacoronavirus italia morticoronavirus italia casicoronavirus italia 13 lugliocoronavirus contagi italiacoronavirus contagi 13 lugliocoronavirus morti in italiacoronavirus bollettino 13 lugliocoronavirus bollettino protezione civilebollettino coronavirusbollettino coronavirus protezione civilebollettino coronavirus 13 luglioprotezione civile bollettinim sanità romaaurigemmazingaretti



    Dal Centro alle periferie: nuova linfa per i monumenti. In arrivo 500 milioni

    Dal Centro alle periferie: nuova linfa per i monumenti. In arrivo 500 milioni

    i più visti
    i blog di affari
    Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
    Anna Capuano
    Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
    Anna Capuano
    Frutta secca: benefici e quando mangiarla
    Anna Capuano

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.