A- A+
Roma
Coronavirus, violenza contro gli infermieri: boom di casi. È l'effetto psicosi

Coronavirus, l'effetto psicosi affolla i pronto soccorsi e fa registrare un boom di aggressioni contro gli infermieri: numero in pericoloso aumento. La paura degli italiani di contrarre il virus si scaglia così contro la pelle del personale sanitario. Ed il sindacato Nursing Up continua la sua crociata per fermare il fenomeno a suon di vip.

 

La nuova testimonial della campagna di sensibilizzazione #NoViolenzasuglinfermieri è per portare all’attenzione il grave fenomeno è Marisa Laurito. Ormai diventata virale sui social, l’iniziativa lanciata dal sindacato Nursing Up ha visto la partecipazione di celebrities, come: Simona Ventura, Giorgio Colangeli, Michela Giraud, Massimiliano Vado, Eva Grimaldi, Maria Vittoria Cusumano, Francesco Foti.

Per sostenere i professionisti sanitari, attualmente in prima linea nella lotta al Coronavirus, e accendere i riflettori sui crescenti episodi di violenza nei loro confronti, la popolare attrice napoletana ha registrato un video di forte impatto mediatico firmato dalla regista Carolina Ielardi, già online sui profili social del Nursing Up, in cui parla al pubblico di questa importante battaglia di civiltà invitando a rispettare chi si prende cura di noi e concludendo con il claim della campagna: “Aiutaci a curarti”.

“Nel nostro Paese - spiega nella clip Marisa Laurito - un infermiere su dieci ha subito violenze sul lavoro e il 4% è stato minacciato con una pistola. Non si tratta solo di aggressioni fisiche, ma anche verbali, subendo comportamenti umilianti e mortificanti. A lanciare l’allarme è stato il sindacato degli infermieri Nursing Up, diffondendo i dati dell’indagine condotta con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per misurare a che livello di violenza siamo arrivati. Sono tremila - conclude - i casi di aggressione, di cui solo milleduecento quelli denunciati”.

L’emergenza delle aggressioni riguarda ormai tutto il territorio nazionale. Attraverso questo appello, gli infermieri chiedono alle istituzioni una risposta immediata e decisa al fenomeno. Non c’è più tempo da perdere, soprattutto in questo momento di sovraffollamento dei reparti di emergenza/urgenza tra picco influenzale e allerta da Coronavirus. Sul fenomeno delle violenze è anche in dirittura d’arrivo alla Camera un Ddl ad hoc, dal titolo “Disposizioni in materia di sicurezza per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni”.

Il provvedimento prevede l’inasprimento delle pene per chi aggredisce i sanitari e l’istituzione di un Osservatorio permanente per la garanzia della sicurezza e per la prevenzione degli episodi di violenza. Ma per il Nursing Up, che garantisce agli iscritti vittime di violenza l’assistenza legale gratuita, tali misure non sono sufficienti: bisogna introdurre la procedibilità d’ufficio e la costituzione degli enti sanitari come parte civile. Per sostenere questa battaglia e dire no alla violenza, occorre andare sul sito www.nursingup.it e condividere il video della campagna con hashtag #NoViolenzasuglinfermieri.

Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus italiavirus cinavirus cinesenursing upviolenza infermieriaggressioni infermierimarisa lauritopronto soccorso



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.