A- A+
Roma
Covid, le spese di Zingaretti e Arcuri nel mirino della Corte dei Conti

“La Procura certamente si dedicherà ai necessari approfondimenti istruttori in ordine alle tematiche connesse agli acquisti legati all’emergenza pandemica effettuati dalla gestione commissariale e dalle altre centrali di acquisto aventi sede nella Regione Lazio al fine di dare conto, per quanto possibile, delle risorse spese”.

Lo scrive il procuratore generale della Corte dei Conti del Lazio, Pio Silvestri, nel suo intervento per la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario 2021.“Prioritaria attenzione verrà posta, come da indicazione della procura generale, alle procedure di spesa - prosegue - che si attiveranno con le risorse europee del Recovery Fund proprio nell’ottica, prima indicata, di garantire, attraverso il contrasto alla frode nazionale, lo stesso bilancio dell’Unione”.

Sempre nel discorso inaugurale, scrive il procuratore generale della Corte dei Conti del Lazio, Pio Silvestri: “La terza sezione d'appello, con sentenza pubblicata il 13 gennaio 2021, in accoglimento del gravame della Procura ha dichiarato la competenza della sezione giurisdizionale del Lazio sul giudizio di responsabilità intentato a carico di numerosi funzionari pubblici per i lavori di realizzazione della linea C della metropolitana di Roma con un danno stimato pari a 221.496.718 euro".

E insomma di nuovo i fari accesi sul supercommissario al'Emergenza, nonché ad di Invitalia,  Domenico Arcuri, che non sta passando un periodo tranquillo. Un po' per l'inchiesta della Gdf sugli affidamenti, per un ammontare di 1,25 miliardi di euro, effettuati dallo stesso Arcuri a favore di 3 consorzi cinesi per l'acquisito di più di 800 milioni di mascherine di diversi tipi, con l'intermediazione, non contrattualizzata dalla struttura commissariale, di alcune imprese italiane. Inchiesta, in cui Arcuri non è sotto indagine, le cui intercettazioni hanno portato però alla luce più di 1.200 contatti telefonici tra Arcuri e Mario Benotti, il giornalista indagato che secondo l'accusa avrebbe tentato di sfruttare la sua amicizia con Arcuri per influenzare gli acquisti di mascherine da parte della struttura del commissario, e che Arcuri diceva di non conoscere. Un po' perché, caduto Giuseppe Conte, da più parti si pensa che il governo guidato da Mario Draghi non gli confermerà l'incarico di dominus della gestione della risposta pandemica. Anche perché alcuni dei soci della nuova maggioranza draghista - Salvini in primis - ne richiedono la rimozione un giorno sì e l'altro pure.

 

Commenti
    Tags:
    covidcoronaviruscorte dei contipio silvestrispese covid laziospese covid arcurimetro cdanno erarialemascherine laziomascherine gate


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    AstraZeneca, stop definitivo in Danimarca
    Si infiamma lo scontro sul Copasir. Arrivano le dimissioni di Vito (FI)
    Separazione e conto corrente cointestato: come gestire i risparmi rimanenti
    Di Rebecca Sinatra *

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.