A- A+
Roma
Covid, nuovo allarme a Roma: dopo le morti arrivano i furti in ospedale

In molti se ne accorgono troppo tardi. Quando i parenti vanno a ritirare gli effetti personale in ospedale. Una procedura già dura di suo. Ma accade che i morti di covid vengano anche “spogliati” delle cose di valore che avevano con se. Fedi, anelli, braccialetti, orologi.

Una situazione che sta facendo preoccupare non poco sia i dirigenti ospedalieri: l'ultimo caso arriva dal San Camillo dove a un paziente è stata rubata la fede. Una vicenda che ha mandato su tutte le furie i parenti: subito è scattata la denuncia e un'inchiesta interna al nosocomio.

A ricostruire i fatti ci sta pensando direttamente il direttore generale della struttura. «Ho già avviato un'inchiesta interna per ricostruire tutti i passaggi, dal ricovero alla degenza fino al decesso, dell'uomo la cui famiglia ha denunciato il furto di alcuni oggetti personali - dichiara il direttore generale dell'ospedale San Camillo - Forlanini, Fabrizio d'Alba - la procedura di presa in carico dei beni e degli oggetti personali dei nostri ricoverati è ben definita e standardizzata - aggiunge - Per questo l'inchiesta interna dovrà chiarire se e quali passaggi sono eventualmente saltati. Va sottolineato che in molti casi prima dell'arrivo presso la struttura ospedaliera il paziente viene preso in carico dal 118 e sono molteplici le persone che intervengono in quella fase. Dai viglili urbani, alle forze di polizia, ai semplici cittadini che assistono e chiedono aiuto. E stessa cosa accade nella fase di trasporto della salma dopo il decesso. Un momento in cui intervengono altre realtà non ospedaliere. Dai viglili urbani, alle forze di polizia, ai semplici cittadini che assistono e chiedono aiuto. E stessa cosa accade nella fase di trasporto della salma dopo il decesso. Un momento in cui intervengono altre realtà non ospedaliere».

Ma i casi non si fermano al San Camillo purtroppo. “Spesso, poi – confida un investigatore che sta seguendo altri due casi – le famiglie neanche denunciano per non alimentare il dolore che va aggiungersi alla perdita di un caro. Rintracciare un responsabile di furto su un paziente non è affatto una cosa semplice. Ci sono aree dove il malato transita dalla fase di ricovero dove viene in contatto con almeno 30 o 40 soggetti diversi. Insomma un vero rebus ma stiamo lavorando per cercare di trovare analogie...”. C'è poi da aggiungere che il covid ha complicato tutto. Non essendoci le visite dei parenti trovare il momento esatto del furto diventa quasi impossibile. Al momento i casi accertati e denunciati sono una ventina. “I furti ai pazienti – confida un infermiere di pronto soccorso – sono sempre avvenuti purtroppo ora abbiamo notato che con il covid sono in netta ascesa perché i malati sono praticamente sempre isolati e non hanno la possibilità di ricevere visite”.

Commenti
    Tags:
    covidromafurtiospedali romamorti


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Dimissioni Zingaretti, lo zar sulla via del tramonto. Chiuso il Ventennio Pd

    Dimissioni Zingaretti, lo zar sulla via del tramonto. Chiuso il Ventennio Pd

    i più visti
    i blog di affari
    Isagro SpA. Importanti movimenti azionari nella compagine di controllo
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Viviamo nel tempo degli asterischi e dell'impotenza di massa
    Di Diego Fusaro
    Sanremo, Festival della deriva sentimentale e non artistica
    Di Ernesto Vergani

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.