A- A+
Roma
Cuccioli di cane uccisi affogati. Orrore, animalisti: "È emergenza randagi"

Cuccioli di cane di razza maremmana trovati morti in una fontana nel Comune di Piglio, provincia di Frosinone. È emergenza randagismo: gli animalisti si scagliano contro i ministri M5S Bonafede e Costa, rei di non aver mantenuto le promesse fatte in campagna elettorale sul tema “reati ai danni di animali”.

 

“Due cuccioli simil maremmano sono stati affogati nelle acque gelide di un fontanile del comune del Piglio. L’uccisone è avvenuta davanti ai loro due fratellini che li hanno vegliati per ore. I corpi esanimi sono stati rinvenuti questa mattina lungo la strada che conduce verso gli Altipiani di Arcinazzo”, scrive in una nota Rinaldo Sidoli, portavoce di Alleanza Popolare Ecologista (Ape).

“L’uso della violenza – prosegue Sidoli - per risolvere, con un macabro e inaccettabile fai-da-te, l’emergenza randagismo è un fatto di una gravità inaudita che non possiamo tollerare. La polizia locale è stata informata dei fatti. Rimaniamo in attesa che i Carabinieri del luogo avvino un’indagine per arrivare agli autori del macabro gesto. Nei mesi precedenti abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da parte di cittadini per la presenza di animali vaganti sul territorio, che a loro dire, rappresenterebbero un pericolo di sicurezza e un problema di sanità pubblica”.

Poi l'appello ai Comuni: “Invitiamo i comuni del Piglio e di Arcinazzo Romano a rispettare la Legge Regionale 21 Ottobre 1997, n. 34 in materia di prevenzione del randagismo. Siamo fermamente convinti che per contrastare il maltrattamento degli animali sia necessario avviare con urgenza un piano di sterilizzazione al fine di ridurre il fenomeno delle nascite incontrollate e il sovraffollamento nei canili”.

“Questo ennesima barbarie nei confronti di esseri indifesi - conclude Sidoli - conferma una volta di più l’urgenza di inasprire le pene previste dal codice penale per i reati in danno agli animali. Uccidere in maniera sadica degli esseri di qualche settimana evidenzia la pericolosità sociale dell’individuo. Ricordiamo che i sindaci hanno l’obbligo di tutelare l’incolumità dei loro cittadini a quattro zampe. Pertanto ci auguriamo che si costruiscano parte civile in un procedimento penale. È arrivato il momento che il legislatore si faccia promotore di una iniziativa forte su un tema trasversale alle forze politiche. Chiediamo al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede e al Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, di tenere fede agli impegni assunti di fronte a milioni di cittadini. È giunto il tempo che la politica e le istituzioni passino dalle parole alle iniziative concrete”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    cuccioli cane mortipigliobonafedem5sministri m5ssergio costaalleanza popolare ecologistarinaldo sidolimaremmanicuccioli cani
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Coronavirus, la verità sul crash Inps: 300 tecnici pagati come giardinieri

    Coronavirus, la verità sul crash Inps: 300 tecnici pagati come giardinieri

    i più visti
    i blog di affari
    Il Global Management Challenge anche in Italia. Gratis per i team di studenti
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Tg1, Carboni conduce al posto di Giorgino. Ecco il retroscena clamoroso
    Di Francesco Fredella
    MUSICA. Il COVID-19 non lo ferma: Filippo Pezzini lancia l’album “Flemmatico”
    Greta V.Galimberti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.