A- A+
Roma
De Vito arrestato, lettera dal carcere alla Raggi: "Non mi dimetto”

Marcello De Vito, avanti tutta in consiglio comunale nonostante l'arresto per corruzione. L'ex presidente dell'Aula Giulio Cesare avverte il sindaco Raggi e tutta la maggioranza M5S: "Credo nella giustizia, non mi dimetto".

 

Nessuna intenzione di mollare, anzi. È un De Vito fiducioso quello che emerge in una lettera dal carcere, dove si trova dal 20 marzo scorso con l'accusa di corruzione. "In questo periodo ho pensato spesso, per il rispetto che nutro verso l'istituzione, al fatto di di dimettermi dalla carica di presidente dell'assemblea capitolina, carica che ho amato eche ritengo di avere svolto con onore per un verso con piena cognizione dei suoi equilibri e tecnicismi dall'altro. Ma non posso, non voglio e non debbo farlo. Darò tutte le mie forze per tutelare la vita della mia famiglia e la mia".

Nessun dubbio quindi, anche sulle responsabilità di chi, all'interno del Movimento, ha subito preso le distanze privandolo delle sue cariche: "Care colleghe e cari colleghi considero privo di presupposti qualsiasi atto che mi abbia privato di qualcosa: sia esso la libertà personale, la carica (anche in via temporanea), la stessa iscrizione agli M5S - continua De Vito - Ai sensi del regolamento del consiglio considero le assenze dal 20 marzo 2019 contrari e e comunque non imputabili alla mia volontà nonché la sospensione e la temporanea sostituzione prive di presupposti. Credo con forza nella giustizia e giustizia con forza chiedo!".

"Sono pronto per il giudizio. Non sono corrotto né corruttibile e confido nel pieno e positivo accertamento in tal senso da parte della magistratura - prosegue ancora De Vito - Nell'immediato ho provato rabbia e delusione per le parole di abbandono degli 'amici'. Posso dire che ho ricevuto maggiore solidarietà delle persone in queste retrovie che in qualsiasi altro posto".

E ancora, riflessioni, non felicissime, dal carcere sul Movimento e su chi lo compone: "Mai come in questo momento ho compreso che abbiamo perso totalmente i nostri valori fondanti della solidarietà, della coesione e della condivisione", conclude De Vito.

Commenti
    Tags:
    marcello de vitode vito arrestatostadio romacorruzionecampidogliom5sraggistefanoroma



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green Pass obbligatorio, Italia avamposto del nuovo ordine terapeutico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Brunetta non va al Premio Socrate: c'è Palamara
    Green Pass, il lasciapassare per i sudditi del capitalismo terapeutico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.