A- A+
Roma
Delitto di Alatri, indagati per omicidio 4 buttafuori a piede libero

Svolta ad un anno nel processo per la morte di Emnuele Morganti. Accusati di omicidio 4 buttafuori della discoteca Miro, dove il 20enne di Alatri è stato picchiato fino alla morte.

 

I quattro uomini, in un primo momento indagati per rissa e concorso esterno in omicidio, si sono visti notificare la proroga alle indagini concessa dal Gip del tribunale di Frosinone ma con una variazione nel capo di imputazione a loro contestato.  Dovranno rispondere, una volta concluse le indagini da parte del magistrato titolare dell'inchiesta, il sostituto procuratore Vittorio Misiti, di omicidio consumato in concorso e false informazioni fornite al pubblico ministero. A pochi giorni dalla decisione, da parte della Corte d'Appello, di poter celebrare il processo con rito abbrevviato a carico di Franco Castagnacci, Mario Castagnacci, Paolo Palmisano e Michel Fortuna,  ecco quindi una possibile svolta. Possibile ora, come richiesto dalla difesa, che la Corte d'Appello scelga infatti lo lo svolgimento dell'assise, in altra sede per questioni di sicurezza.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
delittoalatriemanuele morgantiomicidiobuttafuoriindagatiroma



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Perugia, un “Green Table” per la cultura ambientale del mondo
di Maurizio De Caro
Covid, nuovi varianti in vista: l'emergenza virale è normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia nazione più colpita in Europa dal traffico di identità digitale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.