A- A+
Roma
Delitto Vannini, fu omicidio colposo: 5 anni a Ciontoli. È caos in aula

Delitto Vannini: 5 anni ad Antonio Ciontoli, 3 anni alla moglie ed ai figli Federico, Martina e Maria. Assolta Viola Giorgini. Il pg nelle scorse settimane aveva chiesto 14 anni per tutti i componenti della famiglia dove fu trovato morto il ragazzo a Ladispoli nel 2015. Esplode in aula la rabbia di familiari ed amici di Marco.

 

Marco Vannini, il 21enne morto a Ladispoli il 18 maggio del 2015 per un colpo di pistola partito in circostanze mai chiarite mentre era in casa della famiglia della sua fidanzata, non fu vittima di un omicidio volontario, bensì di un omicidio colposo. Lo ha deciso la corte d'assise di appello di Roma che, riqualificando il reato, ha condannato a 5 anni di reclusione (rispetto ai 14 anni decisi in assise) il sottufficiale della Marina Militare Antonio Ciontoli, che avrebbe materialmente sparato, e confermato i 3 anni, inflitti in primo grado sempre per ipotesi colposa, a carico della moglie Maria Pezzillo e dei figli Martina, fidanzata di Marco Vannini, e Federico. Confermata l'assoluzione, dall'accusa di omissione di soccorso, per Viola Giorgini, fidanzata di Federico.

Alla lettura della sentenza è scoppiato il caos in aula con le grida di protesta dei familiari e degli amici di Vannini. "Vergogna, è uno schifo!", ha detto Marina, la mamma di Marco. I parenti, prima di essere allontanati dall'aula, hanno inveito contro i giudici: "Venduti, non c'è Stato per Marco!".

Commenti
    Tags:
    delitto vanninivanniniomicidio colposociontolicaos in aula



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.