A- A+
Roma
Diffamazione e odio razziale, l’M5S Lannutti indagato dalla Procura di Roma

Diffamazione aggravata dall'odio razziale, il senatore M5S Elio Lannutti finisce nel mirino della Procura di Roma. Le accuse formulate dai pm di piazzale Clodio sono scattate dalla denuncia della Comunità ebraica di Roma, dopo il tweet sul falso storica dei "Protocolli di Sion".

 

Un'accusa via Twitter al popolo ebraico, colpevoli di controllare il sistema economico mondiale. Dopo le polemiche e le prese di distanze degli stessi grilli dal post condiviso da Lannutti, lo stesso si era giustificato così: "Ho pubblicato un link sui banchieri Rothschild, senza alcun commento. Poiché non avevo alcuna volontà di offendere alcuno, tantomeno le comunità ebraiche od altri, mi scuso se il link ha urtato la sensibilità. Condividere un link non significa condividere i contenuti, da cui comunque prendo le distanze. Ci tengo a sottolineare che non sono, né sarò mai antisemita".
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    diffamazioneodio razzialeprotocolli di sionlannuttiprocura di romam5s



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Dentro la pandemia, le complessità del mercato del lavoro
    Green Pass, non è scienza se censura l'interlocutore
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.