A- A+
Roma
Dimissioni Zingaretti, lo zar sulla via del tramonto. Chiuso il Ventennio Pd
(fonte Lapresse)

Zingaretti non lascia mai nulla al caso: persino le dimissioni sono un gesto teatrale annunciate sui social come avrebbe potuto fare solo Giuseppe Conte con accanto Rocco Casalino. Nel teatro dell'assurdo del Pd, l'addio al partito delle “poltrone” è l'inizio dell'ultimo atto. E con lui si avvia a lasciare la scena Goffredo Bettini: insieme hanno gestito tutto e tutti per oltre 20 anni. Soprattutto poltrone e consensi.

Il calcolo però stavolta è sbagliato. Perché il sipario che lo zar ha chiuso arriva in due momenti delicati: l'ingresso nella Giunta della Regione Lazio della Cinque Stelle Roberta Lombardi con i conseguenti malumori nel nuovo Movimento a guida Giuseppe Conte e la pervicacia con cui da giorni la Procura di Roma prosegue nelle indagini sulla compravendita di mascherine, inchiesta che prima o poi arriverà anche sui dispositivi pagati dalla Regione Lazio e mai arrivati.

Per non parlare dell'ossessione condivisa con don Goffredo Bettini del Conte Ter e la mossa del cavallo di Salvini, di nuovo al Governo con Mario Draghi, che li manda entrambi fuori strada. Lo sbaglio tattico non è stato un incidente da poco, anzi, un frontale che è costato ad entrambi la carriera nel Pd.

Ma lo zar, signore indiscusso dell'inclusione, è riuscito in 20 anni a consolidare un potere senza precedenti nella politica romana e nazionale nel segno dell'ossessione per la statalizzazione. La carriera parte nella Federazione dei giovani comunisti che lo proietta prima nel consiglio comunale di Roma e poi a Bruxelles come eurodeputato. Torna da segretario del Lazio del partito e strappa la Provincia di Roma al centrodestra la trasforma in un ducato personale, con tanto di erede al trono (Enrico Gasbarra) al quale lascia lo scettro di Palazzo Valentini.

Dalla Provincia alla Regione Lazio, il passo è breve, vince due volte consecutive e costruisce un sistema di potere che si basa sulla gestione della cosa pubblica legata alle poltrone che elargisce a amici, fedelissimi e persino nemici, considerando che il capolavoro della campagna acquisti per avere la maggioranza al Consiglio regionale del Lazio, transita per eletti in Forza Italia e nella Lega trasformati in stampelle, insieme all'avversario per la Presidenza che a furia di trattare finisce in Giunta. Praticamente gli avversari li include nel senso che li ingurgita.

La sua passione per lo Stato imprenditore gli fa avere anche un castello. La Regione Lazio annovera tra le sue proprietà il maniero di Santa Severa che farebbe la gioia di un privato e che invece ha il marchio pubblico, tant'è che le stanze con vista da brivido sul mare sono arredate come ostello triste e melanconico. Una roba che ricorda più la Russia della Guerra Fredda che il litorale di Roma, a due passi dall'Aeroporto Leonardo da Vinci. Ovvio che il Castello di Santa Severa per la Regione Lazio è solo un costo.

La visione statalista della Regione fa sì che il numero delle società partecipate e della presenza nell'associazionismo spazi dall'informatica alla carne e al formaggio. Con L'Arsial è nel Cda di diverse coop agricole e da quando c'è la pandemia ha distribuito aiuti e contributi dai facchini ai fuochisti, ingaggiando un duello con i laboratori privati per evitare che facessero tamponi. Tutto deve passare per la macchina regionale che distribuisce posti di lavoro ed è quasi uno Stato nello Stato. Ecco perché sul suo consenso non tramonta mai il sole. Nel suo curriculum c'è solo politica. E' l'ultimo dei professionisti del potere e nel suo curriculum non c'è mai un giorno di lavoro vero.

Commenti
    Tags:
    zingarettidimissioni zingaretticarrierra zingarettiinchiesta mascherineprovincia romaregione lazioroberta lombardigiuseppe contegoffredo bettinipd


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, ora fase 2 e si riapre: poi richiuderanno accusando 'i sudditi'
    Separazione consensuale dalla moglie: le rate del mutuo oneri deducibili?
    di Francesca Albi*
    Ing. Carmine Biello. La generazione elettrica e la transizione

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.