A- A+
Roma
Donna morta a ponte Sisto: preso 26enne. Il killer inchiodato dalle telecamere

Spinta dal parapetto del Lugotevere, poi lasciata lì, all'altezza di Ponte Sisto, a morire in quella notte tra il primo e il due maggio. Resta in carcere Stephan Iulian Catoi, il 26enne accusato dell'omicidio di Imen Chatbouri.

 

Lo ha deciso il gip, al termine dell'interrogatorio di convalida del fermo svolto mercoledì mattina nel carcere di Regina Coeli. Il cittadino romeno è stato individuato grazie alle immagini di alcune telecamere che lo hanno ripreso nell'azione omicidiaria ai danni dell'ex atleta di 37anni con la quale, in base a quanto ricostruito dagli inquirenti, aveva trascorso la serata. Davanti al gip l'indagato ha respinto le accuse "Non sono stato io ad ucciderla", avrebbe detto davanti al gip nell'ambito dell'interrogatorio di convalida.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ponte sistoomicidiogialloromaimen chatbourivideotelecamereprigionecarcere



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    La CGIL è la stampella dei padroni
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.