A- A+
Roma
Droga, arrestato un dipendente del Coni: spacciava anche mentre era al lavoro
La sede del Coni

Spacciava da casa, ma anche dal posto di lavoro in viale Tiziano. La droga veniva lasciata all’interno della sua auto. E dalla finestra dell’ufficio l’uomo osservava l’avvenuta consegna. Ad essere tratto in arresto questa mattina dai poliziotti del commissariato Flaminio Nuovo è un dipendente del Coni, accusato insieme ad altre tre persone di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nei confronti dell’uomo il tribunale, su richiesta della procura, ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Hashish e cocaina

Hashish e cocaina. A casa ma anche sul luogo di lavoro, il prestigioso palazzo del Coni Il dipendente pusher, che si riforniva da tre uomini di etnia rom del quartiere Primavalle, aveva messo in piedi una vera e propria attività di spaccio di droga sia presso la propria abitazione di via Collegiove, sia presso l’ufficio. L’uomo veniva raggiunto presso la sua abitazione dagli acquirenti i quali, dopo aver preso contatti telefonici o in chat, si recavano a casa sua per effettuare lo scambio soldi/droga.

Il modus operandi nelle ore di lavoro

Invece, presso la sede di lavoro, l’indagato adottava un “modus operandi” diverso; il pusher lasciava la droga all’interno della propria auto aperta e parcheggiata nei pressi della finestra del proprio ufficio in modo da poterla monitorare costantemente. Gli acquirenti, una volta presa la droga, lasciavano il denaro all’interno dell’abitacolo.

Incastrato dal telefono

Grazie alle intercettazioni telefoniche e ambientali e ai servizi di appostamento a distanza, i poliziotti del Flaminio Nuovo sono riusciti a scoprire l’attività di spaccio messa in piedi dal dipendente del Coni, con la complicità dei tre rom di Primavalle. Nell’ambito dell’indagine sono stati sequestrati complessivamente 135 grammi tra hashish e cocaina.

Iscriviti alla newsletter






Elezioni europee, capolavoro dell'ovvio del Pd Tarquinio: “La pace è meglio”

Elezioni europee, capolavoro dell'ovvio del Pd Tarquinio: “La pace è meglio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.